Think like a man (2012)

Per finire l’argomento sulle differenze tra uomini e donne, oggi vi parlerò di un’altro film che ho visto su Netflix, Think like  a man, che prende titolo da un libro, scritto da un uomo, per le donne, in cui descrive una serie di tipologie di uomini, e le strategie utili per poter conquistarli… 

Un film che parla di uomini che sembrano adulti ma in realtà sono un po’ come dei bambini cresciuti, e delle donne che vorrebbero avere dei rapporti adulti con loro ma non riescono. Finchè appare questo lirbo che spiega loro come fare a “portarli” a crescere.

Pieno di luoghi comuni e dal finale felice come ci si aspetterebbe da una commedia americana, ma… secondo me molto azzeccato, molto realistico, sia sulle tipologie di uomini che sul fatto che “fare il loro gioco infinito” porti le donne solo a perdere tempo.

Per molti versi, questo fantomatico libro e tutto il film sarebbero per molte donne che conosco, più istruttivi di molti dei bestseller “veri” che  sono stati scritti sull’argomento.

p.s. non ho trovato su youtube il trailer in italiano ma vi lascio quello in inglese.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

I lunedì al sole (2002)

I lunedì al sole (2002)

Questa settimana, in questo clima di desunione che sembra stia toccando picchi molto forti, mi sono guardata I lunedì al sole, un film spagnolo che parla di un paese distrutto da una crisi economica settoriale.

chiusi dentro

chiusi dentro

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, per la prima volta online, parleremo di come ci fa sentire questo clima di chiusura, física e mentale che ci sta avvolgendo sempre di più.

si salvi chi può

si salvi chi può

In questi giorni di DCPM e misure anti COVID, di gente che ci crede e gente che continua a fare domande, in cui tanti accusano gli altri di essere i colpevoli di questa situazione, l’unica cosa chiara che riesco a tratte è che siamo al “si salvi chi può”.