The social dilemma (2020)

01 Oct 20

In questi giorni molti stanno parlando di questo documentario di Netflix, The social dilemma, che racconta i dietroscena dei servizi di social network, raccontato dagli addetti ai lavori della Silicon Valley rivelano ciò che si nasconde dall’altra parte dello schermo.

Un docudramma in cui raccontano ciò che si nasconde dietro e che ci porta alla scoperta delle conseguenze socioeconomiche, negli adulti, e psicologiche, soprattutto negli adolescenti, di questa dipendenza dai social media. Le stesse piattaforme che ci permettono di restare in contatto, se diamo loro troppo potere, possono diventare tiranni che controllano la nostra vita, sfruttando psicologia, scienze comportamentali e della comunicazione.

Per i miei gusti è un po’ esagerato, fazioso e banale ma è fatto per quelli che credono che i cellulari e internet siano liberi, che siano meno manipolatori della televisione, quando in realtà lo sono anche di più.

Comunque, per evitare la manipolazione non sono d’accordo con il consiglio di abbandonare tutto, ma basterebbe essere consapevoli, rinforzarci come persone, e di investire nella vita reale almeno quanto investiamo in quella online. Se l’avete visto ditemi cosa ne pensate?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.