The social dilemma (2020)

In questi giorni molti stanno parlando di questo documentario di Netflix, The social dilemma, che racconta i dietroscena dei servizi di social network, raccontato dagli addetti ai lavori della Silicon Valley rivelano ciò che si nasconde dall’altra parte dello schermo.

Un docudramma in cui raccontano ciò che si nasconde dietro e che ci porta alla scoperta delle conseguenze socioeconomiche, negli adulti, e psicologiche, soprattutto negli adolescenti, di questa dipendenza dai social media. Le stesse piattaforme che ci permettono di restare in contatto, se diamo loro troppo potere, possono diventare tiranni che controllano la nostra vita, sfruttando psicologia, scienze comportamentali e della comunicazione.

Per i miei gusti è un po’ esagerato, fazioso e banale ma è fatto per quelli che credono che i cellulari e internet siano liberi, che siano meno manipolatori della televisione, quando in realtà lo sono anche di più.

Comunque, per evitare la manipolazione non sono d’accordo con il consiglio di abbandonare tutto, ma basterebbe essere consapevoli, rinforzarci come persone, e di investire nella vita reale almeno quanto investiamo in quella online. Se l’avete visto ditemi cosa ne pensate?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

La vita davanti a sè (2020)

La vita davanti a sè (2020)

Questa settimana, in questo clima di desunione e di guerra dei poveri mi sono guardata La vita davanti a sè, con una Sofia Loren che arriva al cuore anche alla sua età e un bravissimo Ibrahima Gueye.