The magic (2012)

23 Feb 18

Oggi voglio parlarvi di un’altro dei libri che più mi ha segnato nella mia vita, nel mio percorso spirituale, nell’imparare ed allenarmi a pensare in un modo diverso. The Magic, di Rhonda byrne. Un libro della serie del secreto e della legge di attrazione, dedicato alla gratitudine, una delle vie più sicure per la felicità e la prosperità.

Chi mi conosce sa che sono sempre stata una persona grata, ho sempre gradito e ringraziato anche cose banali che molti danno per scontate. Sono sempre stata quella che diceva grazie, è tutto fantastico, a chiunque mi portava del cibo, che fosse mia mamma, mia suoccera o un cameriere in un ristorante. Quando mio fratello mi regalò questo libro, pensai che non potessi imparare molto, invece… è stato un’allenamento grandioso anche per me.

Il libro, dopo un minimo di spiegazioni e di esempi, propone una serie di esercizi, uno per ogni giorno, per 21 giorni, per installare nel più profondo del nostro cuore, del nostro atteggiamento e delle nostre abitudini, la Gratitudine con la G maiuscola, quella che può cambiare tutto, perchè se impariamo a essere grati e a vedere i lato positivi anche delle cose meno piacevoli, tutto diventa subito molto più luminoso e sopportabile, persino godibile.

L’esercizio che ho amato di più era quello del giorno 7, in cui si propone di trovare 10 cose positive che sono venute fuori da qualcosa di negativo che è successo nella tua vita. Io ho pensato, della cosa che in questo momento penso sia stata la cosa peggiore mi sia successa nella mia vita.

Infatti, ho pensato alla botta più forte che avevo preso, quella che consideravo la peggiore della mia vita, e mi sono accorta che, oltre a tutte le cose negative che erano venute fuori c’erano delle cose positive, carine e meravigliose. Che, guardare le prime o le seconde dipendeva solo da me. E che da questa scelta dipendeva come mi sentivo e come vedevo il mio presente e il mio futuro.

Lo avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

Into the Wild (2007)

Into the Wild (2007)

Questa settimana voglio parlarvi di un film bello quanto triste che parla di come qualsiasi bell’idea, se portata all’eccesso, può diventare deleteria, Into the Wild del 2007, basata sul libro di Jon Krakauer, Nelle terre estreme.