The Adam Project (2022)

03 Mar 22

Oggi voglio parlarvi di un altro film visto su Netflix, The Adam Project, un film sui viaggi nel tempo, sulla crescita, sulla famiglia, sulle scelte, che intercala scene di azione e momenti divertenti e ci fa riflettere sulle scelte che abbiamo fatto e dove ci hanno portati.

Parla di un giovane pilota di navi spaziali che torna indietro per scoprire cosa è successo a sua moglie, pilota anche lei. Ma sbaglia destinazione e arriva nel 2022 dove incontra, per caso, la sua versione più giovane, a cui dovrà chiedere aiuto, andando contro tutte le regole, per salvare il pianeta dalla situazione in cui si trova nel 2053 da cui lui proviene.

Vedendo i diversi personaggi nei diversi momenti possiamo vedere cosa sono diventati, chi è diventato più forte, chi più cattivo, chi non è cambiato perchè non c’è più, viene da chiedersi alcune domande molto belle, se incontrassi te stesso a dodici anni, cosa gli diresti? cosa ti direbbe? cosa hai dimenticato? cosa non sapevi ancora?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

auguri e buoni propositi

auguri e buoni propositi

Un altro dei ricordi che mi mancano tanto di quando ero bambina è quello degli auguri di buon anno. Oggi giorno si parla solo di buoni propositi, di obbietivi da raggiungere, di sforzi, d’impegno… come se tutto dipendesse da noi, dai nostri desideri e dalla nostra volontà.

Klaus (2019)

Klaus (2019)

Questa settimana voglio parlarvi di un film molto simpatico, Klaus: I segreti del Natale, che racconta la storia di un Santa Klaus in un modo un po’ particolare, una leggenda nata un po’ per caso, pezzo a pezzo, da una serie di situazioni particolari e piccole coincidenze.

Goool! (2013)

Goool! (2013)

Questa settimana, visto che l’Argentina ha vinto il mondiale, ho pensato di rivedere un film argentino di dieci anni fa sul calcio: Goool! una bellissima storia sull’amicizia, sullo spirito di squadra, ma soprattutto sullo sport, in cui, per giocare, servono gli avversari, di cui dicono “è più quel che ci unisce che quel che ci separa”.