Terminator – Destino oscuro (2019)

Normalmente non scrivo sui sequel ma, Terminator è un film speciale per me, e questa ultima storia, Terminator – Destino oscuro, con Linda Hamilton, oltre a Arnold Schwarzenegger, mi ha fatto pensare di fare un’accezione.

La prima ragione per cui ho voluto fare un eccezione è il fatto che, essendo una storia “nota” non devono spiegarci tutti i dettagli che già conosciamo, non ci stupisce che ci siano robot che viaggiano nel tempo, che siano indistruttibili, ecc. Un po’ come nei film sui vampiri non devono sempre ripetere che l’aglio li tiene lontani o che non possono entrare in casa se non li abbiamo invitati.

Questo è uno dei meccanismi della mente che possiamo imparare a comprendere, a compensare e a sfruttare. Da per scontate delle parti della storia e riempie i buchi con informazioni estrapolate dalla storia nota. Persino all’interno del film, la vecchia Sarah Connor quando Grace le dice che è tornata per salvare Daniela, pensa che lo faccia perchè sarà anche lei la madre del nuovo leader della resistenza.

 La seconda ragione è perchè, come riescono a fare i migliori, la storia si adatta al tempo in cui è creata. Oggi, in un momento in cui le donne stanno cercando di dimostrare che possono fare tutto quello che fanno gli uomini, le eroine sono tutte donne, di diverse età, nazionalità e personalità. Due guerriere androgine pronte a dare la propria vita per salvare la terza che rappresenta la speranza.

La terza è perchè parla di una AI che impara da sola la differenza fra il bene e il male, sviluppa una morale e diventa umana, con le caratteristiche migliori dell’umanità.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.

l’universo in tasca

l’universo in tasca

Dicono che c’era una volta un grande guerriero, famoso perchè vinceva le battaglie con facilità. I suoi omini che lo ammiravano tanto che avrebbero dato la vita per lui. Dicevano che era rigido ma giusto, che aveva i piedi per terra ma anche un tocco magico.

Ho mangiato abbastanza (2017)

Ho mangiato abbastanza (2017)

Questa settimana, ho letto Ho mangiato abbastanza. Come ho perso 60 chili con la meditazione (e altri segreti), di Giorgio Serafini Prosperi, un libro molto interessante sul peso e sul cibo, ma aoprattutto sul perchè le diete non funzionano, perchè sono un approccio troppo superficiale.