studiare cinese

09 Feb 21

La settimana scorsa parlavamo della teoria della vacanza studio e dell’importanza in questo nuovo apprendimento delle emozioni. Ieri, parlando di quanto fosse difficile imparare a comprendere veramente i nostri sentimenti mi è venuta in mente l’idea di comparare questo linguaggio con il cinese.

Più ci penso, più mi piace la mia metafora per tre motivi:

  • il cinese è una lingua, o meglio, secondo wikipedia: una famiglia linguistica composta da centinaia di varietà linguistiche locali distinte e spesso non mutuamente intelligibili, che non ha un vero e proprio alfabeto, ma che usa logogrammi, ovvero, disegni che rappresentano il concetto di cui si parla. Quando vedo i disegni qui sopra, che dicono sono rappresentativi delle parole, mi vengono in mente cose completamente diverse, il primo, per esempio, a me, più che a una persona mi fa pensare alle cigliegie. Con le emozioni succede lo stesso, se le dobbiamo tradurre e interpretare c’è il rischio di sbagliare…
  • il cinese è una lingua tonale, per me che già il francese, il greco o il portoghese sono difficili perchè hanno vocali più aperte e più chiuse il cinese è assolutamente fuori portata. Di nuovo, con le emozioni succede qualcosa di simili, perchè possono avere mille connotazioni diverse, cambiando molto poco…
  • il cinese è una lingua completamente diversa dalla nostra, o dalle nostre, le indoeuropee, perciò il salto è troppo grosso, sarebbe come imparare a disegnare con i piedi, serve proprio un nuovo assetto del cervello. Anche per ascoltare le emozioni, bisogna in un certo senso smettere di pensarle e questo è molto “strano”, all’inizio.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio ad avere pazienza, a ricordare che il gioco vale la candela, che possiamo vivere senza parlare cinese ma rinunciare a comprendere chi siamo e come ci sentiamo è rinunciare ad essere sia felici che utili per noi stessi e per il mondo. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Secondo accordo: Non prendere nulla in modo personale. Anche al centro dell’inferno, sperimenterete pace interiore e felicità. Starete nella vostra beatitudine e l’inferno non potrà toccarvi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.