Solo business felici (2015)

I n questi giorni in cui tutto sta cambiando, di nuovo, e fare le solite cose diventa sempre più complicato, ho pensato di rileggere e di parlarvi di un’altro libro di Paolo Borzacchiello, Solo business felici, come l’omonima pagina di facebook.

Come sempre, Borzacchiello, con il suo personalissimo stile, ci parla delle convinzioni limitanti e dei preconcetti che possono farci la vita impossibile, perchè parla di lavoro che occupa una grande parte del tempo e dei nostri pensieri, anche nel resto del tempo, tanto se siamo imprenditori come se no.

Già nell’introduzione, parte da un elenco di tre (un numero magico come spiega più avanti nel libro) idee che frenano la maggioranza di noi:

  1. Per avere successo devi fare una fatica immensa, o svolgere un lavoro durissimo;
  2. esser bravissimi nella vendita, nella comunicazione o nel business significa diventare un cinico bastardo senza scrupoli;
  3. il lavoro è lavoro e la vita privata è la vita privata.

 E ci propone un elenco di convinzioni potenzianti alla base dell’idea di solobusinessfelici:

  1. Per avere successo, devi divertirti un sacco. Sennò, non è vero successo. Il successo pieno è solo quando, ti rende anche il felice;
    2. Puoi essere un mago della vendita, e della strategia senza diventare una carogna. Anzi: puoi usare le tue abilità per migliorare la tua vita e quella degli altri.
    3. Non c’è soluzione di continuità fra lavoro e vita: se il lavoro va male, andrà male anche la tua vita privata. E viceversa. La storia dei “problemi fuori dalla porta” non funziona, nel lungo periodo.

E poi va avanti con 55 idee che spiegano meglio “come farlo”. Se non l’avete letto ve lo consiglio, se lo leggete ditemi cosa ne pensate, vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

1) Il maggior freno al cambiamento è in noi stessi...
2) Le cose non migliorano se non cambi te stesso...
3) C’è sempre nuovo formaggio là fuori, che tu ci creda o no...

 

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

La vita davanti a sè (2020)

La vita davanti a sè (2020)

Questa settimana, in questo clima di desunione e di guerra dei poveri mi sono guardata La vita davanti a sè, con una Sofia Loren che arriva al cuore anche alla sua età e un bravissimo Ibrahima Gueye.