Smetti di leggere le notizie (2020)

24 Dec 21

Oggi voglio parlarvi di un’altro libro di Rolf Dobelli, Smetti di leggere le notizie: Come sfuggire all’eccesso di informazioni e liberare la mente, un libro molto chiaro e molto semplice che ci avverte dei problemi che ci può causare l’eccesso di notizie in cui viviamo e ci invita a metterci a dieta.

Ci fa rifflettere su come siamo circondati di notifiche e notizie, comunicati e collegamenti, breaking news e ultim’ora. Notizie, notizie e ancora notizie. Notizie che precipitano a cascata nei nostri social network. Fatti, per la maggior parte del tutto irrilevanti e completamente al di fuori della nostra sfera di competenze che ci fanno male senza che ci rendiamo conto.

Ci fa notare come, come minimo, suppongono una perdita di tempo, ma spesso  il danno è molto più grave. Da una parte accendono le nostre emozioni, come la paura, con ondate di dopamina informativa che diventano fonte di stress e di malessere, e che alimentano tutti i bias e fallacie logiche di cui aveva parlato già nel suo libro L’arte di pensare chiaro (e di lasciare agli altri le idee confuse), facendoci sentire più consapevoli quando in realtà siamo solo più informati. E  portandoci ad autentiche distorsioni della realtà: ingigantendo alcuni problemi trascurabili e trascurando problemi importanti.

E non solo, ci spiega anche come le notizie ci rendono passivi, spesso sono inventate, modificate, ingrandite o sminuite dai giornalisti in funzione dei soldi che fanno, distruggono la nostra tranquillità e di conseguenza la nostra creatività.

Contro questa dipendenza moderna – più perniciosa dell’alcol, più invisibile dello zucchero –, ci invita ad osservare una rigorosa astinenza. Ci invita, seguendo il suo esempio personale, a liberarci dell’informazione usa e getta e ci mostra come con piccoli semplici gesti, potremo ricavare un tempo più esteso per cercare noi le informazioni che ci interessano, per riflettere, per i nostri incontri e progetti.

E, alla fine, mettendo nella giusta prospettiva i problemi, potremo guadagnare in tempo e salute, e forse persino a scoprirci più forti, potenti, creativi e felici.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.