siamo tutti speciali

07 Jun 22

Spesso, quando parliamo con conoscenti e amici dei nostri problemi ci sentiamo diversi, perchè a noi succedono cose che a loro non sono successe e viceversa. Spesso questo finisce con un incomprensione o quel che è peggio con un confronto in cui qualcuno deve uscire vencitore perchè sta meglio o peggio.

Per esempio ricordo una conversazione, quando ero separata da poco, parlando con una amica di quanto mi sentissi male, e lei, che si è sempre dichiarata felicemente sposata, invece di confortarmi, mi ha ricordato che una nostra conoscente stava peggio perchè lei non era divorziata, era vedova. Suo marito era morto di tumore l’anno prima. E quello era peggio.

Allora, a parte che non posso capire il dolore che supponga rimanere vedova, e spero di non doverlo mai scoprire, questo non toglie che tra un divorzio e una vedovanza non si possa dire cosa è peggio. La vedova non vedrà più suo marito e dovrà aiutare le sue figlie a gestire il dolore di non avere più un padre, ma la divorziata dovrà vederlo ogni volta che le figlie andranno o torneranno da lui, dovrà mettersi d’accordo per tante cose, dovrà imparare a vedere l’amore della sua vita andare con un’altra e sentir parlare le sue figlie di lei.

La buona notizia è che, anche se a livello superficiale, infatti, ognnuno di noi ha una vita completamente diversa, anche tra fratelli, persino fra gemelli, basta scendere un po’ in profondità per scappare a questa gara a chi sta peggio… capire che il dolore è dolore, che anche se noi non proviamo “quel dolore” ne abbiamo sicuramente provato altri e possiamo dare a quella persona il rispetto del suo dolore senza dover confrontarlo con i nostri o con quelli di altre persone perchè sentirsi dire che qualcuno sta peggio non ha mai fatto stare meglio nessuno.

Infatti il mio invito possitivo di oggi è proprio a scegliere di vivere, pensare, parlare, relazionarci a un livello più profondo, a recuperare la capacità di sentirci simili e parte della stessa squadra con il maggior numero di persone che possiamo. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.