siamo tutti speciali

07 Jun 22

Spesso, quando parliamo con conoscenti e amici dei nostri problemi ci sentiamo diversi, perchè a noi succedono cose che a loro non sono successe e viceversa. Spesso questo finisce con un incomprensione o quel che è peggio con un confronto in cui qualcuno deve uscire vencitore perchè sta meglio o peggio.

Per esempio ricordo una conversazione, quando ero separata da poco, parlando con una amica di quanto mi sentissi male, e lei, che si è sempre dichiarata felicemente sposata, invece di confortarmi, mi ha ricordato che una nostra conoscente stava peggio perchè lei non era divorziata, era vedova. Suo marito era morto di tumore l’anno prima. E quello era peggio.

Allora, a parte che non posso capire il dolore che supponga rimanere vedova, e spero di non doverlo mai scoprire, questo non toglie che tra un divorzio e una vedovanza non si possa dire cosa è peggio. La vedova non vedrà più suo marito e dovrà aiutare le sue figlie a gestire il dolore di non avere più un padre, ma la divorziata dovrà vederlo ogni volta che le figlie andranno o torneranno da lui, dovrà mettersi d’accordo per tante cose, dovrà imparare a vedere l’amore della sua vita andare con un’altra e sentir parlare le sue figlie di lei.

La buona notizia è che, anche se a livello superficiale, infatti, ognnuno di noi ha una vita completamente diversa, anche tra fratelli, persino fra gemelli, basta scendere un po’ in profondità per scappare a questa gara a chi sta peggio… capire che il dolore è dolore, che anche se noi non proviamo “quel dolore” ne abbiamo sicuramente provato altri e possiamo dare a quella persona il rispetto del suo dolore senza dover confrontarlo con i nostri o con quelli di altre persone perchè sentirsi dire che qualcuno sta peggio non ha mai fatto stare meglio nessuno.

Infatti il mio invito possitivo di oggi è proprio a scegliere di vivere, pensare, parlare, relazionarci a un livello più profondo, a recuperare la capacità di sentirci simili e parte della stessa squadra con il maggior numero di persone che possiamo. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Ma cosa facciamo, in genere, quando abbiamo un sentimento negativo? "È colpa sua. Deve cambiare". No! Il mondo è a posto. Chi deve cambiare siete voi.

 

La palestra dell’autostima (2021)

La palestra dell’autostima (2021)

Questa settimana voglio parlarvi del libro La palestra dell’autostima. Sette passi per conquistare il rispetto che meriti, di Gabrielle Fellus, un libro che insegna e invita a difendersi in ogni situazione, proporzionatamente, da ogni maltrattamento, che sia verbale, mentale o fisico.

il naufrago

il naufrago

Dicono che c’era una volta un naufrago che aveva perso tutto, quando, dopo una terribile tempesta, la nave su cui si trovava era affondata in mezzo al nulla ed al mattino era riuscito a nuotare e a mettersi in salvo su un’isola deserta.

Le stagioni dell’anima (2022)

Le stagioni dell’anima (2022)

Questa settimana voglio parlarvi di un libro di quest’anno, di Sharon M. Koenig, Le stagioni dell’anima. 7 passi per scoprire il senso della tua vita, un libro di spiritualità semplice e pratico, che offre risposte alle domande che ci facciamo sempre di più in questo periodo.