Siamo fottuti ma forse c’è ancora speranza (2019)

06 May 22

Questa settimana ho letto Siamo fottuti. Ma forse c’è ancora una speranza di Mark Manson, una riflessione sulla speranza, non nella classica accezione impiegata dalla maggioranza degli accademici, non come sensazione di ottimismo, ma legata alle aspettative.

Partendo da una domanda sul paradosso del progresso, si chiede cosa sta succedendo al mondo da farci stare peggio anche se la situazione è nettamente migliorata rispetto al passato? analizza ed espone una teoria sugli aspetti della nostra vita che incidono in questa crisi, la sensazione di controllo, i valori e la comunità.

Per quanto riguarda la sensazione di controllo, con una bellissima storia sulla ci spiega che spesso è solo un’illusione, un cortocircuito tra due cervelli, con grossi problemi di comunicazione. Con una metafora auto-movilistica, equipara la auto-coscienza ad un auto guidata dal cervello riflessivo e con il cervello emotivo come copilota, che può diventare una auto-pagliaccia, che fa pazzie e poi le razionalizza.

 Per quanto riguarda i valori, con l’aiuto di un personaggio inventato, un Isaac Newton di un universo parallelo che, invece di studiare le leggi della fisica, studia le leggi dell’emozioni, ci spiega come funzionano le emozioni e i giudizi e come ci possono fregare se non capiamo come funzionano la morale, l’autostima e l’identità.

Per quanto riguarda la comunità, con un piano in sei fasi per creare la nostra propria religione, analizza le credenze religiose o che ci legano alla nostra communità, i sistemi collaudati per ottenere salvezza e beatitudine eterna che ci fanno soffrire e sperare, sempre distratti e ubbidienti.

Per finire, ci spiega come, anche quando va bene, la speranza in se può essere una fregatura quando la ricerca della felicità come assenza di dolore ci rende sempre infelici e attenti a quel che ci manca.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.