si stava meglio

In questi giorni in cui la maggior parte dei miei amici e conoscenti discute sulle misure contro il COVID, tra i commenti su mascherina si o mascherina no, e vaccino si o vaccino no… qualcuno è risucito a tirare fuori il famoso “si stava meglio quando si stava peggio”.

È una frase che usa soprattutto chi, quando si stava peggio, non era ancora nemmeno nato. Qualcuno che non sa cosa vuol dire “stare peggio”, e che la protezione per privazione di libertà ha molti più lati negativi che positivi. Vedono solo un pericolo, a loro parere gigantesco, e vogliono essere protetti, ma non vedono la quantità di privilegi a cui dovrebbero rinunciare per poter mantenere quella protezione.

In un mondo che è diventato così complesso , come dicevamo in  13 cose che ho imparato giocando a garden scapes, può essere difficileorientarsi e muoversi con la responsabilità che la piena libertà comporta.

Ma non credo che la privazione di libertà sia la scelta migliore. Ci andrebbe, anzi, maggiore responsabilizzazione e preparazione delle persone. Ma proteggerle è più semplice. Proibire è sempre più veloce che educare. Il problema è che rimaniamo sempre bambini ignoranti e incapaci. E quando ci rendiamo conto pensiamo che sia troppo tardi e ci arrendiamo.

Poi ci sono quelli che, quando si stava peggio stavano veramente meglio, loro, i privilegiati che alla libertà non rinunciano veramente quelli che dicono che il lockdown non è stato un problema, che stare chiusi in casa è necessario, ma hanno ville con decine di stanze con gente che fa tutto per loro.

Il mio invito possitivo di oggi è a dubitare delle soluzioni facili, a pensare a tutti i problemi in cui potremmo incorrere per via di quelle stesse soluzioni. E ad ascoltare tutte le campane senza pensare che sono idiozie, ad entrare nel merito, senza giudicare troppo in fretta. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.