si stava meglio

In questi giorni in cui la maggior parte dei miei amici e conoscenti discute sulle misure contro il COVID, tra i commenti su mascherina si o mascherina no, e vaccino si o vaccino no… qualcuno è risucito a tirare fuori il famoso “si stava meglio quando si stava peggio”.

È una frase che usa soprattutto chi, quando si stava peggio, non era ancora nemmeno nato. Qualcuno che non sa cosa vuol dire “stare peggio”, e che la protezione per privazione di libertà ha molti più lati negativi che positivi. Vedono solo un pericolo, a loro parere gigantesco, e vogliono essere protetti, ma non vedono la quantità di privilegi a cui dovrebbero rinunciare per poter mantenere quella protezione.

In un mondo che è diventato così complesso , come dicevamo in  13 cose che ho imparato giocando a garden scapes, può essere difficileorientarsi e muoversi con la responsabilità che la piena libertà comporta.

Ma non credo che la privazione di libertà sia la scelta migliore. Ci andrebbe, anzi, maggiore responsabilizzazione e preparazione delle persone. Ma proteggerle è più semplice. Proibire è sempre più veloce che educare. Il problema è che rimaniamo sempre bambini ignoranti e incapaci. E quando ci rendiamo conto pensiamo che sia troppo tardi e ci arrendiamo.

Poi ci sono quelli che, quando si stava peggio stavano veramente meglio, loro, i privilegiati che alla libertà non rinunciano veramente quelli che dicono che il lockdown non è stato un problema, che stare chiusi in casa è necessario, ma hanno ville con decine di stanze con gente che fa tutto per loro.

Il mio invito possitivo di oggi è a dubitare delle soluzioni facili, a pensare a tutti i problemi in cui potremmo incorrere per via di quelle stesse soluzioni. E ad ascoltare tutte le campane senza pensare che sono idiozie, ad entrare nel merito, senza giudicare troppo in fretta. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

bambini cresciuti

bambini cresciuti

Ieri, durante la cena, mi sono riferita a una persona come ad uno dei miei “maestri” e mia figlia mi ha detto qualcosa tipo “non credo che tu possa imparare molto da certe persone, non vorrei che diventassi come loro”. Il commento mi ha fatto sorridere e mi ha ispirato questo post su cosa intendo con la parola maestro.

segnali

segnali

Quando dobbiamo fare una scelta importante, spesso ci troviamo a cercare da qualche parte un un segnale, una conferma, che ci dica che siamo nella strada giusta. A volte i segnali appaiono, altre no, ma noto che spesso il problema non è trovare il segnale, ma saperlo leggere.

la miniera di diamanti

la miniera di diamanti

Dicono che c’era una volta un giovane molto povero che aveva un sogno scoprire una miniera di diamanti e diventare molto ricco. Viveva con i suoi genitori molto anziani in un una vecchia casa in mezzo ai campi.