si salvi chi può

In questi giorni di DCPM e misure anti COVID, di gente che ci crede e gente che continua a fare domande, in cui tanti accusano gli altri di essere i colpevoli di questa situazione, l’unica cosa chiara che riesco a tratte è che siamo al “si salvi chi può”.

I lavoratori dello spettacolo dicono che da loro non ci sono stati contagi e molti condividono un “iostocoiristoratori” ma tanti altri dicono che “chiudere i bar non è un lockdown” o che “il coprifuoco dalle 23.00 alle 5.00 non mi tocca“.

Allora, chiudere i bar non è un lockdown, questo é poco ma sicuro, ma è il modo più sicuro per distruggere una categoria. La maggior parte di noi può benissimo vivere senza uscire a prendere una birra o a cena fuori ma, i bar hanno dei proprietari, dei lavoratori, dei collaboratori. Quella birra, o cena, è la punta di un iceberg che da da mangiare a molte persone, e le misure del governo le stanno svendendo per proteggere il nostro sistema.

Ne abbiamo già parlato fin dall’inizio, anche se ci dicono che problema è il virus, che minaccia tutti noi, soprattutto i nostri cari, quello che è veramente in grave pericolo è il nostro sistema sanitario. Quello che abbiamo scoperto che era troppo debole, che andava rinforzato, era il sistema sanitario che negli ultimi anni è stato spolpato e ridotto all’osso.

Ma è più facile puntare il dito su eventuali categorie di “untori”, che poi cambiano anche, e che sono sempre quelli che fanno qualcosa. Quelli che sono andati in vacanza, quelli che vanno in palestra, quelli che vanno a trovare i nonni. Fare sentire loro in colpa e gli altri nel giusto.

E così, nelle discussioni pochissimi si chiedono cosa si avrebbe potuto fare o si potrebbe fare per rinforzarci, per migliorare il sistema, quelle sono cose che non si pensano nemmeno. Siamo troppo occuppati a sputare sentenze sugli untori. Su quelli che hanno pensato da egoisti, di vivere la vita (non come prima, perchè quello era impossibile) a cui noi da bravi bambini abbiamo rinunciato.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a capire che per alcuni è più facile che per altri, che quelli chefarla pagare aiu giusti per i pecatori è un metodo scolastico, non per adulti, e a unirci tutti nella pretesa di un cambiamento di rotta in questa lotta contro il virus.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.

due piedi

due piedi

La settimana prossima, all'incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, ancora una volta online, il tema sarà la dualità e come gestirla, perchè ci hanno sempre insegnato che dobbiamo fare delle scelte ma a spesso è pìu funzionale trovare...

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.