Luca (2021)

Questa settimana mi sono guardata per voi un film molto bello, Luca, l’ultimo film di animazione della Disney Pixar, diretto da, la bellissima storia di due bambini, mostri marini, che abitano vicino alla costa delle cinque terre, e prendono sembainze umane quando sono a terra.

Racconta la storia di Luca, bambino curioso tenuto troppo stretto dai suoi genitori, per paura dei mostri di terra. Fino a quando conosce Alberto, orfano e libero di seguire la sua curiosità, senza nessuna protezione. Insieme vanno nel paesino di Portorosso, dove conoscono queste persone e scoprono che anche loro li temono, e che non sono così diversi.

Anche se ho letto molte critiche negative che dicono cheil messaggio è poco sviluppato e superficiale, credo che le cose appena accenate siano perfette, mi ha fatto inmedesimare con tante situazioni, mi ha fatto amare ogni scena e ogni personaggio, e mi ha fatto pensare e riflettere, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Tu puoi cambiare la tua vita (2018)

Tu puoi cambiare la tua vita (2018)

Anche questa settimana mi sono letta un libro di Emmet Fox, meraviglioso, Tu puoi cambiare la tua vita. Un libro sulla preghiera scientifica come soluzione a tutti problemi della vita, come una forma di chiedere aiuto a qualcuno più potente e più utile.

10 regole per fare innamorare (2012)

10 regole per fare innamorare (2012)

Questa settimana mi sono guardata, sempre su Netflix, un’altra commedia francese sui problemi delle famiglie di oggi giorno, sulle pressioni a cui ci sottopone la società, sempre più esigente soprattutto con le apparenze: Guida alla famiglia perfetta.

il momento giusto

il momento giusto

Dicono che c’era una volta un professore universitario molto amato per la comprensione che dimostrava, non solo della sua materia, ma anche del mondo in cui viviamo, che un giorno vide arrivare tardi in classe uno dei suoi allievi preferiti. Era in ritardo e si vedeva che si sentiva in colpa.