segnali

Quando dobbiamo fare una scelta importante, spesso ci troviamo a cercare da qualche parte o a chiedere, a Dio, all’universo, etc. un segnale, una conferma, che ci dica che siamo nella strada giusta. A volte i segnali appaiono, altre no, ma noto che spesso il problema non è trovare il segnale, ma saperlo leggere.

 Perchè l’universo è pieno di segnali, che indicano la strada, o meglio, le strade, ma sono come questo che vi ho messo nella foto. Dicono in che direzione si trovano i nostri possibili obiettivi, nient’altro. Non dicono qual’è la strada “giusta”, solo direzioni e distanze.

Il giudizio lo mettiamo noi, con la nostra lettura, influenzata dalle nostre credenze, dalle nostre paure e dal nostro passato, e che potrebbe non tenere conto della nostra capacità di cambiare, delle altre persone, e di un migliaio di altri fattori.

Quando troviamo il segnale “Torino 30Km” vuol dire solo quello, che se continuiamo su quella strada, a 30 kilometri c’è Torino. Potrebbero esserci anche altre strade, alcune più lunghe o più corte. Potrebbe essere che la strada è temporalmente chiusa per un avvenimento e il cartello non è stato aggiornato. Potrebbe essere che siamo così vicini che qualsiasi strada prendiamo ci porta ad una parte diversa dalla città.

Bisogna stare attenti ma, visto che sono segnali molto limitati, non mi sembra tanto furbo prendere le grandi decisioni in funzione di uno di essi. Principalmente perchè non sappiamo qual’è il nostro percorso per arrivare al nostro obiettivo, a volte prendere scorciatoie è peggio che fare la strada completa; in più il segnale rappresenta passato e presente, potremmo oggi trovare una via nuova che ancora non è conosciuta, e soprattutto, anche le strade degli altri possono incrociare e cambiare la nostra.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a vedere i segnali per quello che sono, indicazioni da interpretare con la nostra consapevolezza, e ad accrescere questa per poter capire meglio cos fare con le loro informazioni. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

nove per dieci, novantuno

nove per dieci, novantuno

Dicono che c’era una volta un professore di matematica adorato dai suoi ragazzi perchè parlava la loro lingua e sembrava capire i loro problemi come pochi adulti potevano fare. Un giorno che la classe era particolarmente agitata, entrò e, senza parlare iniziò a scrivere alla lavagna.

Pazzo di lei (2021)

Pazzo di lei (2021)

Anche qesta settimana, per caso su Nextflix, ho visto un bellissimo film, questa volta spagnolo, Pazzo per lei, un film molto profondo e allo stesso tempo leggero, che fa commuovere e allo stesso tempo pensare, sull’amore, sulle difficoltà, sulle aspettative e sulla normalità.

permesso

permesso

Martedì al nostro prossimo incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, vedremo le cose che non riusciamo a fare, che non possiamo fare, e quelle che abbiamo persino smesso di volere. E parleremo delle diverse ragioni per cui questo è così.