segnali

26 Jan 21

Quando dobbiamo fare una scelta importante, spesso ci troviamo a cercare da qualche parte o a chiedere, a Dio, all’universo, etc. un segnale, una conferma, che ci dica che siamo nella strada giusta. A volte i segnali appaiono, altre no, ma noto che spesso il problema non è trovare il segnale, ma saperlo leggere.

 Perchè l’universo è pieno di segnali, che indicano la strada, o meglio, le strade, ma sono come questo che vi ho messo nella foto. Dicono in che direzione si trovano i nostri possibili obiettivi, nient’altro. Non dicono qual’è la strada “giusta”, solo direzioni e distanze.

Il giudizio lo mettiamo noi, con la nostra lettura, influenzata dalle nostre credenze, dalle nostre paure e dal nostro passato, e che potrebbe non tenere conto della nostra capacità di cambiare, delle altre persone, e di un migliaio di altri fattori.

Quando troviamo il segnale “Torino 30Km” vuol dire solo quello, che se continuiamo su quella strada, a 30 kilometri c’è Torino. Potrebbero esserci anche altre strade, alcune più lunghe o più corte. Potrebbe essere che la strada è temporalmente chiusa per un avvenimento e il cartello non è stato aggiornato. Potrebbe essere che siamo così vicini che qualsiasi strada prendiamo ci porta ad una parte diversa dalla città.

Bisogna stare attenti ma, visto che sono segnali molto limitati, non mi sembra tanto furbo prendere le grandi decisioni in funzione di uno di essi. Principalmente perchè non sappiamo qual’è il nostro percorso per arrivare al nostro obiettivo, a volte prendere scorciatoie è peggio che fare la strada completa; in più il segnale rappresenta passato e presente, potremmo oggi trovare una via nuova che ancora non è conosciuta, e soprattutto, anche le strade degli altri possono incrociare e cambiare la nostra.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a vedere i segnali per quello che sono, indicazioni da interpretare con la nostra consapevolezza, e ad accrescere questa per poter capire meglio cos fare con le loro informazioni. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Primo accordo: Sii impeccabile con la parola. La parola è potente. Usatela nel modo giusto, usatela per condividere l’amore. Usate la magia bianca con tutti, cominciando da voi stessi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.