se l’avessi saputo prima

26 Aug 20

Una delle frasi che più spesso sento quando parlo con le persone di come migliorare la propria vita è “vorrei tornare indietro sapendo quello che so adesso“. C’è chi vuole semplicemente ricominciare da capo, chi non fare qualcosa che considera un grande errore, ecc.

Oltre all’ovvia brutta notizia sul fatto che è impossibile tornare indietro, se non con il pensiero, viaggiando nei ricordi, ci sono, come sempre una  notizia buona e una cattiva.

La notizia cattiva è che, senza commettere gli errori è difficile imparare, perciò, se fosse possibile tornare indietro, probabilmente cometteremo degli errori anche peggiori, essendo ad un livello di coscenza e di conoscenza superiore.

La buona notizia è che, anche senza tornare nel passato, ogni giorno possiamo cambiare il nostro futuro, decidere di sfruttare le cose che abbiamo imparato invece di farci trasportare sempre dall’inerzia delle decisioni prese in passato.

Per me è facile vederla così, lo ammetto, perchè, personalmente, dai miei più grandisbagli” o “errori” del passato ho tratto (e imparato ad apprezzare) delle grandi cose.

Mi sono spostata in Italia per amore, con quello che pensavo sarebbe stato l’uomo della mia vita e, quando la storia è finita, pensandoci bene, ci sono rimasta, ho due figlie e una seconda madre lingua. Se fosse possibile tornare indietro non cambierei una virgola.

Anche a livello lavorativo mi è successo qualcosa di simile, quando ho perso il mio contratto a tempo indeterminato, legato alla mia laurea e alla mia formazione formale, mi sono rimaste tante cose che uso per il lavoro che faccio oggi.

Il mio invito possitivo di oggi è a provare a fare finta di essere stati nel futuro e ad esseretornati indietro fino ad oggi, a chiederci cosa il nostro io del futuro potrebbe aver imparato, in questa nostra vacanza studio, e come potremmo sfruttarlo. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.