Se Dio vuole (2015)

Ieri mi sono divertita da impazzire con Se Dio vuole con due attori meravigliosi Marco Giallini e Alessandro Gassmann. Un film tanto simpatico quanto realistico sulla chiesa, sulla fede, la fiducia e la speranza.

Il film racconta la storia di un uomo molto pratico e materialista, un cardiochirurgo, ricco, riconosciuto, ed assolutamente egoista egocentrico, giudicante e esigente… Il suo mondo sembra tremare quando suo figlio decide di smettere di studiare medicina per farsi prete sotto l’influenza di un prete molto particolare, uno che parla ai giovani nel loro linguaggio.

Un prete meraviglioso, un uomo di cuore, rappresentante attivo del Dio che piace a me, e un uomo scettico e mentale ma capace di tornare umano che diventano amici.

Se non l’avete visto, ve lo consiglio con tutto il cuore.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La sconfitta è uno stato mentale: nessuno viene mai sconfitto, a meno che non abbia accettato la sconfitta come una realtà.

 

bambini cresciuti

bambini cresciuti

Ieri, durante la cena, mi sono riferita a una persona come ad uno dei miei “maestri” e mia figlia mi ha detto qualcosa tipo “non credo che tu possa imparare molto da certe persone, non vorrei che diventassi come loro”. Il commento mi ha fatto sorridere e mi ha ispirato questo post su cosa intendo con la parola maestro.

segnali

segnali

Quando dobbiamo fare una scelta importante, spesso ci troviamo a cercare da qualche parte un un segnale, una conferma, che ci dica che siamo nella strada giusta. A volte i segnali appaiono, altre no, ma noto che spesso il problema non è trovare il segnale, ma saperlo leggere.

la miniera di diamanti

la miniera di diamanti

Dicono che c’era una volta un giovane molto povero che aveva un sogno scoprire una miniera di diamanti e diventare molto ricco. Viveva con i suoi genitori molto anziani in un una vecchia casa in mezzo ai campi.