sapere e imparare

In questi giorni mi è capitato spesso di parlare con ragazzi più giovani che stanno cercando il loro posto nel mondo, che ancora non sono tanto sicuri di sè stessi e vivono fra la diffesa della loro identità e il mettersi in gioco.

Da una parte sanno di non sapere, dall’altra incontrano molte persone che pretendono da loro che sappiano. Loro sanno di essere qui per imparare, ma si trovano a confronto con delle persone che si arrabbiano conloro perchè non sanno.

Il fatto è che la scuola vacanza che è la vita non funziona come la scuola che abbiamo creato noi umani. Si dice che prima si fa l’esame e poi ci spiega la lezione ma quel che non dicono è che di ogni esame possiamo imparare diverse lezioni e, soprattutto, come capire qual’è quella giusta. Soprattutto perchè, se impariamo la lezione sbagliata, l’esame ce lo troveremo di nuovo e di nuovo finchè impareremo quella giusta.

Se ci facciamo le domande sbagliate, queste ci porteranno a trovare delle risposte sbagliate e ad imparare le lezioni sbagliate. Se le persone con cui abbiamo a che fare ci fanno le domande sbagliate e noi le ripetiamo, rischiamo di imparare male.

A questo punto, come nelle barzellette, ci sono una notizia buona e una cattiva. La cattiva è che “è impossibile per un uomo imparare quel che crede di sapere già”, come diceva Epitteto.

La buona è che abbiamo uno strumento dentro di noi, gratuito e facile da usare per capire se le domande o le risposte sono giuste o sbagliate. Questo strumento è il nostro cuore, il modo in cui ci sentiamo quando le facciamo, se ci sentiamo bene siamo sulla strada giusta.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

andata e ritorno

andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

l’aureola troppo stretta

l’aureola troppo stretta

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.