sapere e imparare

In questi giorni mi è capitato spesso di parlare con ragazzi più giovani che stanno cercando il loro posto nel mondo, che ancora non sono tanto sicuri di sè stessi e vivono fra la diffesa della loro identità e il mettersi in gioco.

Da una parte sanno di non sapere, dall’altra incontrano molte persone che pretendono da loro che sappiano. Loro sanno di essere qui per imparare, ma si trovano a confronto con delle persone che si arrabbiano conloro perchè non sanno.

Il fatto è che la scuola vacanza che è la vita non funziona come la scuola che abbiamo creato noi umani. Si dice che prima si fa l’esame e poi ci spiega la lezione ma quel che non dicono è che di ogni esame possiamo imparare diverse lezioni e, soprattutto, come capire qual’è quella giusta. Soprattutto perchè, se impariamo la lezione sbagliata, l’esame ce lo troveremo di nuovo e di nuovo finchè impareremo quella giusta.

Se ci facciamo le domande sbagliate, queste ci porteranno a trovare delle risposte sbagliate e ad imparare le lezioni sbagliate. Se le persone con cui abbiamo a che fare ci fanno le domande sbagliate e noi le ripetiamo, rischiamo di imparare male.

A questo punto, come nelle barzellette, ci sono una notizia buona e una cattiva. La cattiva è che “è impossibile per un uomo imparare quel che crede di sapere già”, come diceva Epitteto.

La buona è che abbiamo uno strumento dentro di noi, gratuito e facile da usare per capire se le domande o le risposte sono giuste o sbagliate. Questo strumento è il nostro cuore, il modo in cui ci sentiamo quando le facciamo, se ci sentiamo bene siamo sulla strada giusta.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono l’ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo sia un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.