Rocky (1976)

15 Oct 20

Questa settimana, mentre leggevo Solo business felici, in uno degli “consigli” parlava di essere come Rocky, come esempio di concentrazione e perseveranza, perciò oggi ho pensato di parlare di questo film cult, con Sylvester Stallone.

Il film lo conoscete tutti, parla di un pugile che si accontenta di quel poco che riesce a fare, di sopravvivere, fra malavita e altri problemi, senza mai perdere la speranza di sfondare un giorno, fino a quando ha la sua opportunità.

Quello che forse non sapete, io quando l’ho scoperto ho cambiato completamente idea su Stallone, é la storia di com’è stato scritto e portato al grande schermo… che è un esempio, ancora più valido perchè reale, di speranza, perseveranza e talento.

In poche parole, Stallone non riusciva a fare l’attore ed era in grave difficoltà economica, perse sua moglie e arrivò persino a vendere il suo cane per pagare cibo e acqua. Ma poi, una sera, vedendo un incontro di pugilato, quello tra Muhammad Alì e Wepner, che anche se incassava durissimi colpi da Alì, rimaneva in piedi e continuava a lottare. Da quel match Stallone prese ispirazione per scrivere una storia e per 3 giorni scrisse ininterrottamente lo script del film.

E poi trovò i produttori, ma non accettò di vendere lo script fino a quando non accettarono che fosse anche io protagonista. Il resto della sua storia la conoscete.

L’avete visto? Ve lo ricordate? Secondo me si lascia rivedere…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.

Letargo

Letargo

Per me l’inizio di quest’anno è stato difficile, sono stata male fisicamente, prima con una pesante influenza e poi con quella che sembrava una intossicazione alimentare, non ho avuto febbre ma sono stata la maggior parte del tempo a letto.