Rocky (1976)

15 Oct 20

Questa settimana, mentre leggevo Solo business felici, in uno degli “consigli” parlava di essere come Rocky, come esempio di concentrazione e perseveranza, perciò oggi ho pensato di parlare di questo film cult, con Sylvester Stallone.

Il film lo conoscete tutti, parla di un pugile che si accontenta di quel poco che riesce a fare, di sopravvivere, fra malavita e altri problemi, senza mai perdere la speranza di sfondare un giorno, fino a quando ha la sua opportunità.

Quello che forse non sapete, io quando l’ho scoperto ho cambiato completamente idea su Stallone, é la storia di com’è stato scritto e portato al grande schermo… che è un esempio, ancora più valido perchè reale, di speranza, perseveranza e talento.

In poche parole, Stallone non riusciva a fare l’attore ed era in grave difficoltà economica, perse sua moglie e arrivò persino a vendere il suo cane per pagare cibo e acqua. Ma poi, una sera, vedendo un incontro di pugilato, quello tra Muhammad Alì e Wepner, che anche se incassava durissimi colpi da Alì, rimaneva in piedi e continuava a lottare. Da quel match Stallone prese ispirazione per scrivere una storia e per 3 giorni scrisse ininterrottamente lo script del film.

E poi trovò i produttori, ma non accettò di vendere lo script fino a quando non accettarono che fosse anche io protagonista. Il resto della sua storia la conoscete.

L’avete visto? Ve lo ricordate? Secondo me si lascia rivedere…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

Into the Wild (2007)

Into the Wild (2007)

Questa settimana voglio parlarvi di un film bello quanto triste che parla di come qualsiasi bell’idea, se portata all’eccesso, può diventare deleteria, Into the Wild del 2007, basata sul libro di Jon Krakauer, Nelle terre estreme.