Ricordi

Mercoledì mi è capitato di condividere con un carissimo amico un mio ricordo di una situazione che aveva coinvolto noi due 25 anni fa. Chiaramente, a lui questo ricordo è arrivato come un racconto che gli era completamente nuovo. Si è scusato dicendo che la sua memoria è come un mucchio di post-it che cadono molto spesso, ma c’è un’altra spiegazione molto semplice.

In quel momento, tanti anni fa, il mio coinvolgimento era più forte, stavo attraversando una tappa del mio sviluppo in cui quel tipo di situazioni era molto importante. Lui no. Ed è per questo che solo io me lo ricordo. Diciamo che mi ricordo le forti emozioni e sentimenti che quel piccolo fatto fece nascere in me, e sono le emozioni a tener vivo il ricordo dei fatti.

Sono in tanti, ormai, a dire che i nostri ricordi c’entrano qualcosina con la realtà, ma molto di più con le nostre emozioni, con le nostre percezioni, con le nostre credenze… Non potremmo mai ricordare tutto quello che ci succede e dobbiamo scegliere.

Per questo motivo spesso, quando parliamo di qualcosa che è successo in passato, anche da poco, non ricordiamo i fatti nello stesso modo. E, normalmente, ci mettiamo a discutere su chi dice la verità e chi mente, su chi ricorda il vero e chi inventa, chi è nel giusto e chi sbaglia… dimenticando la componente importantissima del filtro delle emozioni e credenze.

Si potrebbe dire che vediamo dei “cosa” e dei “come” ma quello che ci ricordiamo sono i “perchè”. E, siccome questi perchè difficilmente vanno chiesti, spiegati e condivisi, nei nostri ricordi avremo a disposizione solo i propri, la propria verità. Ma le verità di ognuno sono solo dei pezzi di un puzzle e per arrivare alla verità assoluta bisogna accettarli tutti. Più teniamo in considerazione più vicina sarà la nostra verità a quella  assoluta. Più cerchiamo di difendere una sulle altre, più ci allontaneremo.

Che ne pensate? Vi sembra abbia una logica? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

proteggersi o non proteggersi

proteggersi o non proteggersi

La settimana prossima, all’incontro del mese di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, continueremo il nostro percorso per smontare fake news, falsi miti e falsi bisogni” e parleremo in maniera più personalizzata di protezione e sicurezza.

la libertà di espressione

la libertà di espressione

In questi ultimi anni di boom dei social media, molti dicono che con questi mezzi l’intelligenza è diminuita, altri che era già bassa ma non lo si vedeva. Ognuno può dire la sua e arrivare a migliaia di persone, dai politici all’ultimo arrivato come la signora di “non c’è coviddi”.

l’ottavino

l’ottavino

Dicono che c’era una volta una orchestra famosa, conosciuta da tutti perché la loro musica era perfetta, speciale, unica, e suonava come una melodia celestiale. Ovunque suonavano, il pubblico rimaneva sempre affascinato…

Diventa chi sei (2018)

Diventa chi sei (2018)

Oggi vorrei parlare di un libro diverso, dopo le vacanze si torna al lavoro e molti si chiedono se il loro lavoro sia il migliore per loro o se dovrebbero cambiare. Emilie Wapnick nel suo libro Diventa chi sei, Una pratica guida per persone creative che hanno molteplici passioni e interessi, ci parla di come rispondere a questa domanda.