Ricordi

Mercoledì mi è capitato di condividere con un carissimo amico un mio ricordo di una situazione che aveva coinvolto noi due 25 anni fa. Chiaramente, a lui questo ricordo è arrivato come un racconto che gli era completamente nuovo. Si è scusato dicendo che la sua memoria è come un mucchio di post-it che cadono molto spesso, ma c’è un’altra spiegazione molto semplice.

In quel momento, tanti anni fa, il mio coinvolgimento era più forte, stavo attraversando una tappa del mio sviluppo in cui quel tipo di situazioni era molto importante. Lui no. Ed è per questo che solo io me lo ricordo. Diciamo che mi ricordo le forti emozioni e sentimenti che quel piccolo fatto fece nascere in me, e sono le emozioni a tener vivo il ricordo dei fatti.

Sono in tanti, ormai, a dire che i nostri ricordi c’entrano qualcosina con la realtà, ma molto di più con le nostre emozioni, con le nostre percezioni, con le nostre credenze… Non potremmo mai ricordare tutto quello che ci succede e dobbiamo scegliere.

Per questo motivo spesso, quando parliamo di qualcosa che è successo in passato, anche da poco, non ricordiamo i fatti nello stesso modo. E, normalmente, ci mettiamo a discutere su chi dice la verità e chi mente, su chi ricorda il vero e chi inventa, chi è nel giusto e chi sbaglia… dimenticando la componente importantissima del filtro delle emozioni e credenze.

Si potrebbe dire che vediamo dei “cosa” e dei “come” ma quello che ci ricordiamo sono i “perchè”. E, siccome questi perchè difficilmente vanno chiesti, spiegati e condivisi, nei nostri ricordi avremo a disposizione solo i propri, la propria verità. Ma le verità di ognuno sono solo dei pezzi di un puzzle e per arrivare alla verità assoluta bisogna accettarli tutti. Più teniamo in considerazione più vicina sarà la nostra verità a quella  assoluta. Più cerchiamo di difendere una sulle altre, più ci allontaneremo.

Che ne pensate? Vi sembra abbia una logica? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quarto accordo: Fai sempre del tuo meglio. Non dovete giudicarvi, sentirvi in colpa o punirvi se non riuscite a mantenere questi accordi. Se fate del vostro meglio, vi sentirete bene.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.

perchè sono così povero?

perchè sono così povero?

Dicono che c’era una volta un bambino molto povero. Era nato in una famiglia povera, viveva in un quartiere molto povero e tutto quello che vedeva nella sua vita era povertà. Dicono che una notte, mentre dormiva tra le vecchie coperte che sua mamma aveva trovato per strada, sogno Dio e gli chiese: