Ricordi

Mercoledì mi è capitato di condividere con un carissimo amico un mio ricordo di una situazione che aveva coinvolto entrambi 25 anni fa. Chiaramente, a lui questo ricordo è arrivato come un racconto che gli era completamente nuovo. Si è scusato dicendo che la sua memoria è come un mucchio di post it che cadono spesso, ma c’è un’altra spiegazione molto semplice.

In quel momento, tanti anni fa, il mio coinvolgimento era più forte, stavo attraversando una tappa del mio sviluppo che dava particolare importanza a quel tipo di situazioni. Lui no. Ed è per questo che solo io me lo ricordo. Diciamo che mi ricordo le forti emozioni e sentimenti che quel piccolo fatto fece nascere in me, e sono le emozioni a tener vivo il ricordo dei fatti.

Sono in tanti, ormai, a dire che i nostri ricordi c’entrano qualcosina con la realtà, ma molto di più con le nostre emozioi, con le nostre percezioni, con le nostre credenze… Non potremmo mai ricordare tutto quello che ci succede e dobbiamo scegliere.

Per questo motivo spesso, quando parliamo di qualcosa che è successo in passato, anche da poco, non ricordiamo i fatti nello stesso modo. E, normalmente, ci mettiamo a discutere su chi dice la verità e chi mente, su chi ricorda il vero e chi inventa, chi è nel giusto e chi sbaglia… dimenticando la componente importantissima del filtro delle emozioni e credenze.

Si potrebbe dire che vediamo dei “cosa” e dei “come” ma ricordiamo i “perchè”. E, siccome questi perchè difficilmente vanno chiesti, spiegati e condivisi, nei nostri ricordi avremo a disposizione solo i propri, la propria verità. Ma le verità di ognuno sono solo dei pezzi di un puzzle e per arrivare alla verità assoluta bisogna accettarli tutti. Più teniamo in considerazione più vicina sarà la nostra verità a quella  assoluta. Più cerchiamo di difendere una sulle altre, più ci allontaneremo.

Che ne pensate? Vi sembra abbia una logica? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La sconfitta è uno stato mentale: nessuno viene mai sconfitto, a meno che non abbia accettato la sconfitta come una realtà.

 

affrontare la pausa

affrontare la pausa

Dicono che c’era una volta un ragazzo che voleva diventare monaco ma quando fu al monastero gli dissero che prima doveva prepararsi. Avrebbe dovuto stare da solo due mesi nella sua casa e poi l’avrebbero ammesso.

Ricominciare da se (2017)

Ricominciare da se (2017)

Visto che nelle ultime settimane abbiamo parlato molto più del solito di autoanalisi e reinvenzione, oggi vorrei tornare a Osho, per parlarvi di Ricominciare da Sé, una guida per un viaggio di conoscenza profonda di noi stessi e delle chiavi della beatitudine.

Focus (2015)

Focus (2015)

E anche oggi voglio parlarvi di un film visto su Netflix, con Will Smith, Focus – Niente è come sembra, di nuovo un film su truffatori per rimanere attenti alle manipolazioni di cui siamo costantemente vittime inconsapevoli.

riempire la vita

riempire la vita

Ci sono persone che passano tutta la loro vita ad aspettare un momento migliore, altri a lavorare sodo per ottenere qualcosa e altre perdono tempo a lamentarsi e a indignarsi. Molti vivono per inerzia e pochi si accorgono di poter scegliere.