respira

Non credo ci sia niente così sottovalutato come il respiro. Forse non può risolvere i problemi ma può metterci in condizioni di farlo. Qualche anno fa, un mio caro amico e spiritual coach, Nicola Alagna, mi cambiò la vita con una sola parola, ripetuta più volte al giorno: respira!

Respirare, sembra banale, vero? normalmente, il primo pensiero, quando qualcuno ci dice di respirare è “ma io sto respirando”, ed è vero, ma spesso lo diamo per scontato, lo facciamo senza pensare, senza metterci tutta la nostra attenzione.

È anche vero che in momenti estremi, di crisi o di difficoltà, tutti  sappiamo che dobbiamo fare un bel respiro profondo. Secondo me sarebbe utile ricordarlo più spesso. 

Portare l’attenzione sul nostro respiro più spesso che possiamo è una risorsa facile da usare e completamente gratuita per poter riprendere il controllo, per tornare nel qui e ora e per creare il sano distacco delle nostre emozioni.

Portare l’attenzione sul nostro respiro può aiutarci a creare una specie di bolla attorno a noi, lasciando fuori tutti gli stimoli esterni ed interni,per darci il tempo di allontanarci dai problemi per poter vederli più piccoli e affrontabili.

 L’ansia, la frustrazione, la paura, non spariscono semplicemente per concentrarci sul respiro, ma possiamo distanziarci per vederle meglio. Queste emozioni sono delle trappole che si autoalimentano e questo è il modo più semplice per rompere questo circolo vizioso.

Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Primo accordo: Sii impeccabile con la parola. La parola è potente. Usatela nel modo giusto, usatela per condividere l’amore. Usate la magia bianca con tutti, cominciando da voi stessi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.