questione di coerenza

La settimana prossima, al primo incontro di quest’anno di fac-ciamo pace, parleremo di coerenza.  Molti dicono che in questo mondo quello che più manca è la coerenza. Ma scommetto che pochi si sono soffermati a pensare cosa vuol dire questa parola.

La coerenza dovrebbe essere una “certa” costanza logica o affettiva nel pensiero e nelle azioni. In un certo senso, sarebbe l’opposto dell’ipocrisia. Quello che molti non capiscono è che a volte sembra ipocrisia ma non lo è.

Infatti, normalmente, quando facciamo o diciamo delle cose che non  pensiamo o che non sentiamo è perchè crediamo di non avere altre possibilità. Può essere ipocrisia, può essere diplomazia, può essere persino un errore.

Parleremo della coerenza interna, che è meravigliosa ed è la base della felicità, quando quello che penso, sento, dico e faccio sono in sintonia; e la coerenza percepita dall’esterno, in cui ci sono anche possibili rumori o distrosinoi e i giudizi e i filtri dell’osservatore.

Parleremo anche della differenza tra la coerenza superficiale (orizzontale) e quella profonda (verticale). Se ci comportiamo in maniera diversa in momenti diversi non è per forza per mancanza di coerenza. Potrebbero esserci delle ragioni a livello più profondo che lo spiegano.

E, per finire, parleremo di coerenza che si evolve quando noi ci evolviamo, cuando cresciamo, quando cambiamo. Spesso per una “finta” coerenza con quello che pensavamo o sentivamo in passato potremmo non essere abbastanza fedeli a chi siamo oggi.

Vi ho incuriosito? Spero di si, vi aspetto martedì!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

contenitore e contenuto

contenitore e contenuto

Dicono che c’era una volta un uomo molto ricco che chiese al monastero del suo paese una funzione religiosa per conmemorare la morte del padre avvenuta l'anno prima. Disse che, siccome la sua famiglia era notevole e molto generosa, volevano che fosse ufficiata dal...

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Questa settimana, ho letto Gli ordini dell’aiuto di Bert Hellinger. Un libro che  parla dell’aiuto, dal punto di vista sistemico, e delle regole per aiutare con  il metodo delle Costellazioni Familiari e connettendosi con il sistema, con la coscienza collettiva, per integrare gli aspetti e i personaggi ignorati in ogni situazione.

Hereafter (2010)

Hereafter (2010)

Questa settimana ho guardato Hereafter, un film diretto da Clint Eastwood e protagonizzato, tra altri, da un grandioso Matt Damon. Un film sulla vita e la morte, sulla linea sottile che le separa, sulle persone che possono attraversarla, con esperienze premorte o sentendo delle voci dall’altro lato.