Quando non puoi fare nulla…

Non c’è nulla che tu debba fare, perchè per dover fare qualcosa dovresti poter farla… no? la logica non fa una piega. Ma spesso la rinneghiamo, non la ascoltiamo ci intestardiamo a sentirci in colpa perchè non possiamo fare niente in un aspetto concreto e ignoriamo che ci sono altre possibilità, altre cose che forse potremmo fare. Se non trovi una risposta vuol dire che stai facendo la domanda sbagliata. Chiediti cos’altro puoi fare? O cosa stai ignorando? Dicono che chi vuole fare una cosa trova il modo e chi non vuole trova una scusa… ma, a volte, non è la voglia quello che ci manca, ma la fiducia nell’esistenza di un modo. Passiamo in fretta da “questo non lo posso fare” a “non posso fare nulla“.

Perciò, quando non puoi fare nulla, ho tre consigli per te: primo, pensa ad altro. E con pensa ad altro voglio dire concentrati su quello che puoi fare, e fallo. Quello che puoi fare per migliorare la tua situazione generale, o quello che puoi fare per essere in grado di poter fare qualcosa, di avvicinarti all’obiettivo lentamente se non riesci a fare un grande salto.

Secondo, pensa in un’altro modo, osserva, rileggi, studia, cambia punto di vista e analizza in un modo diverso la situazione, forse così scopri che qualcosa la puoi fare. Qualcosa che risolve un’altro problema e fa sparire quello per cui non potevi fare niente. Come dice Louise Hayio non risolvo i miei problemi, cambio il mio pensiero e i miei problemi si risolvono da soli

Terzo, pensa con qualcun’altro, o a qualcun’altro, cerca o crea alleanze, forse non dipende da te ma puoi parlare con la persona di cui dipende. Forse hai qualcosa da offrirle, in cambio di quella cosa che non potevi fare tu.

Ma non ti ossessionare, a volte la cosa migliore da fare è accettare che non possiamo fare tutto, che non tutto è come vorremmo che fosse e andare avanti godendoci quello che abbiamo e quello che possiamo fare. Cosa ne pensate di questa mia riflessione? siete di quelli che si fermano a pensare tutte le cose che non possono fare o di quelli che pensano ad altro e fanno quello che possono?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

La palestra dell’autostima (2021)

La palestra dell’autostima (2021)

Questa settimana voglio parlarvi del libro La palestra dell’autostima. Sette passi per conquistare il rispetto che meriti, di Gabrielle Fellus, un libro che insegna e invita a difendersi in ogni situazione, proporzionatamente, da ogni maltrattamento, che sia verbale, mentale o fisico.

il naufrago

il naufrago

Dicono che c’era una volta un naufrago che aveva perso tutto, quando, dopo una terribile tempesta, la nave su cui si trovava era affondata in mezzo al nulla ed al mattino era riuscito a nuotare e a mettersi in salvo su un’isola deserta.

Le stagioni dell’anima (2022)

Le stagioni dell’anima (2022)

Questa settimana voglio parlarvi di un libro di quest’anno, di Sharon M. Koenig, Le stagioni dell’anima. 7 passi per scoprire il senso della tua vita, un libro di spiritualità semplice e pratico, che offre risposte alle domande che ci facciamo sempre di più in questo periodo.

l’imperatore e lo yogi

l’imperatore e lo yogi

Dicono che c’era una volta un grande imperatore che, in viaggio per le sue terre sentì parlare di un monaco che era molto saggio e pensò che gli farebbe comodo averlo con lui a corte e così andò a cercarlo.