Quando non puoi fare nulla…

Non c’è nulla che tu debba fare, perchè per dover fare qualcosa dovresti poter farla… no? la logica non fa una piega. Ma spesso la rinneghiamo, non la ascoltiamo ci intestardiamo a sentirci in colpa perchè non possiamo fare niente in un aspetto concreto e ignoriamo che ci sono altre possibilità, altre cose che forse potremmo fare. Se non trovi una risposta vuol dire che stai facendo la domanda sbagliata. Chiediti cos’altro puoi fare? O cosa stai ignorando? Dicono che chi vuole fare una cosa trova il modo e chi non vuole trova una scusa… ma, a volte, non è la voglia quello che ci manca, ma la fiducia nell’esistenza di un modo. Passiamo in fretta da “questo non lo posso fare” a “non posso fare nulla“.

Perciò, quando non puoi fare nulla, ho tre consigli per te: primo, pensa ad altro. E con pensa ad altro voglio dire concentrati su quello che puoi fare, e fallo. Quello che puoi fare per migliorare la tua situazione generale, o quello che puoi fare per essere in grado di poter fare qualcosa, di avvicinarti all’obiettivo lentamente se non riesci a fare un grande salto.

Secondo, pensa in un’altro modo, osserva, rileggi, studia, cambia punto di vista e analizza in un modo diverso la situazione, forse così scopri che qualcosa la puoi fare. Qualcosa che risolve un’altro problema e fa sparire quello per cui non potevi fare niente. Come dice Louise Hayio non risolvo i miei problemi, cambio il mio pensiero e i miei problemi si risolvono da soli

Terzo, pensa con qualcun’altro, o a qualcun’altro, cerca o crea alleanze, forse non dipende da te ma puoi parlare con la persona di cui dipende. Forse hai qualcosa da offrirle, in cambio di quella cosa che non potevi fare tu.

Ma non ti ossessionare, a volte la cosa migliore da fare è accettare che non possiamo fare tutto, che non tutto è come vorremmo che fosse e andare avanti godendoci quello che abbiamo e quello che possiamo fare. Cosa ne pensate di questa mia riflessione? siete di quelli che si fermano a pensare tutte le cose che non possono fare o di quelli che pensano ad altro e fanno quello che possono?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.

Letargo

Letargo

Per me l’inizio di quest’anno è stato difficile, sono stata male fisicamente, prima con una pesante influenza e poi con quella che sembrava una intossicazione alimentare, non ho avuto febbre ma sono stata la maggior parte del tempo a letto.