Psicotrappole (2013)

Questa settimana sono tornata a leggere qualcosa di Giorgio Nardone, che era da molto che non leggevo, e ho scelto Psicotrappole, che parla di come spesso ci costruiamo, la nostra mente costruisce, delle trappole in cui cadiamo sperando che comportamenti che hanno funzionato in passato debbano per forza funzionare di nuovo.

Infatti, parla di psicotrappole come quelle situazioni in cui si tende a reiteriare i comportamenti che sono stati utili senza chiedersi se la situazione sia cambiata. Quando cadiamo nella psicotrappola ci risulta più facile aumentare lo sforzo che osservare la situazione da un altro punto di vista. Ed è proprio questo che propone come psicosoluzioni, quello che noi normalmente chiamiamo compensare...

Ci sono le psicotrappole del pensare, come l’inganno delle aspettative, l’illusione della conoscenza definitiva, il mito del ragionamento perfetto, la fede nel <<sentire>>, il pensiero positivo, la coerenza ad ogni costo o la tendenza a sopravalutare o sottovalutare.

Poi ci sono le psicotrappole dell’agire, come l’insistere, il rinunciare o arrendersi, la mania del controllo, l’evitamento e il rimandare, l’aiuto che danneggia e il difendersi preventivamente, e persino il socializzare tutto.

Per finire, Nardone ci riassume alcune combinazioni di queste psicotrappole legate ad altrettanti comportamenti psicopatologici, come le fobie, le ossessioni, la paranoia, l’ipocondria, la depressione, la bulimia e il bing eating…

Chiaramente tutti questi sono comportamenti normali, diventano psicotrappole solo quando vengono usati senza attenzione alle situazioni e ai risultati, sempre.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi evitare che tristezza e paura ti volino attorno; quello che puoi evitare è che si costruiscano un nido nella tua testa.

 

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.

spronare

spronare

Quando dico che sono una life coach molti rispondono “ah, sei una motivatrice!”. In realtà, no. Per come lavoro io, parlare di motivazione è spesso troppo superficiale, infatti non sempre funziona, io cerco di lavorare su un livello un po’ più profondo.

si stava meglio

si stava meglio

In questi giorni in cui la maggior parte dei miei amici e conoscenti discute sulle misure contro il COVID, tra i commenti su mascherina si o mascherina no, e vaccino si o vaccino no… qualcuno è risucito a tirare fuori il famoso “si stava meglio quando si stava peggio”.