Prova a prendermi (2002)

Questa settimana, di nuovo su Nextflix, ho guardato uno di quei film fantastici basati su una storia vera, Prova a prendermi, di Steven Spielberg con Leonardo DiCaprio e Tom Hanks, adattamento cinematografico del romanzo autobiografico di Frank Abagnale Jr.

Il film racconta la storia di un ragazzo che, nella New York degli anni Sessanta, è posto davanti al più terribile dei dilemmi: scegliere con quale genitore vivere dopo il loro divorzio. Piuttosto che far soffrire uno dei due, preferisce fuggire e, quando finisce i soldi, combina la sua innocenza e la sua faccia da ragazzino che fa ricerche con la sua capacità di interpretare per mettere in piedi delle truffe sempre più audaci.

Ve ne parlo perchè il protagonista è un ragazzino, e il suo “truffare” è più che altro una birichinata, un modo di mettersi alla prova, senza troppi pensieri. Il suo è un delitto senza vittime, o meglio, la sua vittima è lui stesso, il suo futuro, che viene ipotecato per vivere al massimo il presente.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Cosa vi ha colpito di più?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tra un mese è Natale e, siccome io amo il Natale ho iniziato a guardarmi i film di Natale di quest’anno con un film Brasiliano, Tutto normale il prossimo Natale, un film sullo spirito del Natale, particolare, che ha incantato persino me che non amo la comicità brasiliana.

l’ordine delle cose

l’ordine delle cose

Dicono che c’era una volta un uomo molto saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio e parole di conforto per ogni occassione. Dicono che una volta uno dei signori più ricchi del luogo gli chiese una frase importante per conmemorare la nascita del suo primo nipote.

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

Questa settimana, ho letto un’altro libro di Florence Scovel Shinn, questa volta ho letto La tua parola è una bacchetta magica, un po’ come il gioco della vita, un compendio di rifflessioni, affermazioni e storie sulla legge di attrazione e il New Thought.

Detachment il distacco (2011)

Detachment il distacco (2011)

Ieri ho visto un film statunitense del 2021, Old, con cui ho rifflettuto tanto su tanti aspetti. La storia di una famiglia, una coppia di genitori con due figli piccoli, che va in vacanza in un posto paradisiaco e meraviglioso, trovato su internet, per rilassarsi e stare un po’ insieme tutti e quattro.