proiezioni

05 Feb 20

Una delle cose che più facciamo fatica a smettere di pensare è che le persone in realtà difficilmente scelgono quel che fanno e che di rado hanno delle ragioni logiche e comprensibili. La prossima settimana all’incontro di facciamo pace, parleremo di proiezioni.

La proiezione, per la psicologia, è un meccanismo psichico di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche propri, o parti del Sé, che non possono essere ammesse… su altri oggetti o persone. Se non possiamo o vogliamo ammettere di essere bugiardi, per esempio, vedremo bugiardi ovunque, se siamo timidi vedremo timidezza, ecc.

Secondo la mia scuola, come abbiamo visto quando abbiamo parlato degli specchi esseni, la proiezione può essere ancora di più, si possono proiettare anche credenze, se io credo di non meritare amore, proietterò un’altra giustificazione come causa dei gesti “amorevoli” nei miei confronti. Se credo che le persone siano buone, proietterò buoni motivi per le loro azioni e se credo siano cattive, proietterò cattive intenzioni.

Molte volte pensiamo che chi ci ferisce lo fa per cattiveria, per disamore, per vendetta o per malafede. Che lo fa consapevolmente, di proposito, e persino scegliendo il modo per farci più male, ma… spesso non è così…

Infatti il rasoio di Rasoio di Hanlon, una versione particolare del ben più famoso rasoio di Occam, ci consiglia di <<Non attribuire mai a malafede quel che si può ragionevolmente spiegare con la stupidità.>>

Se vi incuriosice, vi aspettiamo!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ma cosa facciamo, in genere, quando abbiamo un sentimento negativo? "È colpa sua. Deve cambiare". No! Il mondo è a posto. Chi deve cambiare siete voi.

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.