prendersi le proprie responsabilità

29 Aug 18

Per finire il discorso su come analizziamo gli altri, il mondo e noi stessi, sugli aprezzamenti e le valutazioni, e sui sentimenti base, e per iniziare ad introdurre il discorso sull’accetologia che riprenderemo al prossimo incontro di facciamo pace, potremmo dire che il passo successivo per rendere utili queste riflessioni è prenderci le nostre responsabilità. Scelte nel modo corretto, quelle proporzionali, quelle funzionali che possono portarci dove vogliamo andare.

Il discorso delle responsabilità è complesso, ne abbiamo già parlato più volte, soprattutto perchè spesso viene frainteso e utilizzato da chi vuole manipolarci usando i nostri sensi di colpa. Ma anche perchè in un rapporto, in una relazione, ci sono corresponsabilità, e non è semplice capire fino a dove arriva la reponsabilità dell’uno e dove inizia quella dell’altro. Soprattutto perchè sono interrelazionate e non è facile capire chi inizia e chi risponde.

Per cominciare, perchè siamo abituati a pensare che quello che succede dentro di noi dipende da quello che succede fuori, quando questo è solo la metà della storia. Perciò per riprenderci la responsabilità in una relazione dobbiamo iniziare dal prenderci la responsabilità delle nostre emozioni, delle nostre credenze e della nostra visione del mondo.

Poi, per ogni interazione, bisogna prenderci la responsabilità della nostra parte di essa, sia che siamo noi ad iniziare a parlare o che stiamo rispondendo alle parole dell’altro. In ogni interazione in cui non otteniamo quello che ci aspettiamo è facile pensare che è tutta responsabilità dell’altro (perchè noi abbiamo fatto del nostro meglio e lui o lei no). Invece, se pensiamo di avere parte di responsabilità, di non aver capito qualcosa e di non aver agito adeguatamente per questa ragione… abbiamo molte più possibilità di cambiare la situazione.

Ma non è tutto prenderci più responsabilità, è anche non prendersi quelle che non sono nostre. Così come è nostra responsabilità la nostra felicità, le nostre emozioni e le nostre credenze, non lo sono la felicità degli altri, le loro emozioni o il loro modo di vedere il mondo. La maggior parte di noi perde molte energie e tempo inutilmente sentendosi colpevoli e cercando di cambiare le cose che non sono nostra responsabilità.

Ci avevate pensato? Vi ho incuriositi? Venite e parliamone…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Se prendete la vostra felicità e la mettete nelle mani di un'altra persona, prima o poi quella persona la distruggerà.

 

La palestra dell’autostima (2021)

La palestra dell’autostima (2021)

Questa settimana voglio parlarvi del libro La palestra dell’autostima. Sette passi per conquistare il rispetto che meriti, di Gabrielle Fellus, un libro che insegna e invita a difendersi in ogni situazione, proporzionatamente, da ogni maltrattamento, che sia verbale, mentale o fisico.

il naufrago

il naufrago

Dicono che c’era una volta un naufrago che aveva perso tutto, quando, dopo una terribile tempesta, la nave su cui si trovava era affondata in mezzo al nulla ed al mattino era riuscito a nuotare e a mettersi in salvo su un’isola deserta.

Le stagioni dell’anima (2022)

Le stagioni dell’anima (2022)

Questa settimana voglio parlarvi di un libro di quest’anno, di Sharon M. Koenig, Le stagioni dell’anima. 7 passi per scoprire il senso della tua vita, un libro di spiritualità semplice e pratico, che offre risposte alle domande che ci facciamo sempre di più in questo periodo.

l’imperatore e lo yogi

l’imperatore e lo yogi

Dicono che c’era una volta un grande imperatore che, in viaggio per le sue terre sentì parlare di un monaco che era molto saggio e pensò che gli farebbe comodo averlo con lui a corte e così andò a cercarlo.

siamo tutti speciali

siamo tutti speciali

Spesso, quando parliamo con conoscenti e amici dei nostri problemi ci sentiamo diversi, perchè a noi succedono cose che a loro non sono successe e viceversa. Spesso questo finisce con un incomprensione o quel che è peggio con un confronto in cui qualcuno deve uscire vencitore perchè sta meglio o peggio.