prendersi le proprie responsabilità

Per finire il discorso su come analizziamo gli altri, il mondo e noi stessi, sugli aprezzamenti e le valutazioni, e sui sentimenti base, e per iniziare ad introdurre il discorso sull’accetologia che riprenderemo al prossimo incontro di facciamo pace, potremmo dire che il passo successivo per rendere utili queste riflessioni è prenderci le nostre responsabilità. Scelte nel modo corretto, quelle proporzionali, quelle funzionali che possono portarci dove vogliamo andare.

Il discorso delle responsabilità è complesso, ne abbiamo già parlato più volte, soprattutto perchè spesso viene frainteso e utilizzato da chi vuole manipolarci usando i nostri sensi di colpa. Ma anche perchè in un rapporto, in una relazione, ci sono corresponsabilità, e non è semplice capire fino a dove arriva la reponsabilità dell’uno e dove inizia quella dell’altro. Soprattutto perchè sono interrelazionate e non è facile capire chi inizia e chi risponde.

Per cominciare, perchè siamo abituati a pensare che quello che succede dentro di noi dipende da quello che succede fuori, quando questo è solo la metà della storia. Perciò per riprenderci la responsabilità in una relazione dobbiamo iniziare dal prenderci la responsabilità delle nostre emozioni, delle nostre credenze e della nostra visione del mondo.

Poi, per ogni interazione, bisogna prenderci la responsabilità della nostra parte di essa, sia che siamo noi ad iniziare a parlare o che stiamo rispondendo alle parole dell’altro. In ogni interazione in cui non otteniamo quello che ci aspettiamo è facile pensare che è tutta responsabilità dell’altro (perchè noi abbiamo fatto del nostro meglio e lui o lei no). Invece, se pensiamo di avere parte di responsabilità, di non aver capito qualcosa e di non aver agito adeguatamente per questa ragione… abbiamo molte più possibilità di cambiare la situazione.

Ma non è tutto prenderci più responsabilità, è anche non prendersi quelle che non sono nostre. Così come è nostra responsabilità la nostra felicità, le nostre emozioni e le nostre credenze, non lo sono la felicità degli altri, le loro emozioni o il loro modo di vedere il mondo. La maggior parte di noi perde molte energie e tempo inutilmente sentendosi colpevoli e cercando di cambiare le cose che non sono nostra responsabilità.

Ci avevate pensato? Vi ho incuriositi? Venite e parliamone…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.

spronare

spronare

Quando dico che sono una life coach molti rispondono “ah, sei una motivatrice!”. In realtà, no. Per come lavoro io, parlare di motivazione è spesso troppo superficiale, infatti non sempre funziona, io cerco di lavorare su un livello un po’ più profondo.

si stava meglio

si stava meglio

In questi giorni in cui la maggior parte dei miei amici e conoscenti discute sulle misure contro il COVID, tra i commenti su mascherina si o mascherina no, e vaccino si o vaccino no… qualcuno è risucito a tirare fuori il famoso “si stava meglio quando si stava peggio”.

le mucche non danno latte

le mucche non danno latte

Dicono che c’era una volta, in un monsatero, due discepoli che discuttevano, uno proveniva da una famiglia più ricca e, per questa ragione, pretendeva di essere superiore all’altro. Il maestro gli ascoltò e poi disse: Le mucche non danno latte.