precious (2009)

Questa settimana, su Nextflix, ho visto un film molto crudo, che mi era stato consigliato da una amica parlando del grasso coporale come protezione, Precious, una storia su tutto il male che si può accettare e permettere per ignoranza.

Il film racconta la terribile storia di una ragazzina di colore che a sedici anni è incinta per la seconda volta, che vive una vita di abusi, di disprezzi, di violenze di tutti i tipi, che accetta senza dire niente, senza chiedere aiuto, convinta di non meritare niente di meglio, fino a quando capisce che ci sono altre possibilità.

Quello che mi ha colpito di più è stato quanto sia facile giudicarla, per il suo peso, perchè è incinta, criticarla, perchè viviamo in un mondo che non vede l’ora di darci la colpa dei nostri problemi. Ma, man mano che la storia va avanti, conoscendola meglio, quando sappiamo chi è il padre dei suoi figli, cosa ha imparato fin da bambina… non lo è più.

Se non l’avete visto, ve lo consiglio, a me è piaciuto veramente tanto, se l’avete visto, ditemi cosa ne pensate.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.