poveri noi

Dicono che c’era una volta un professore che tutti ammiravano per la sua magnanimità e la sua saggezza. Studenti di ogni tipo e di ogni scuola arrivavano con i quisiti più difficili, paradossi ed enigmi che solo lui poteva aiutare a svelare.

Un giorno, mentre leggeva nel giardino, fu assalito da un gruppo di studenti che discuttevano su quale fosse la discriminazione contro la quale fosse più importante combattere.

– Prof, vero che il razzismo è la discriminazione peggiore che sia mai esistita? – disse un ragazzo di colore molto emozionato – ogni giorno tante persone sono ammazzate per il colore della loro pelle, i loro diritti vengono negati constantemente senza una vera ragione e questo è ingiusto.

– Ma no, la discriminazione peggiore è quella verso le donne, – disse una ragazza tutta rossa in faccia – vero prof?, da quando il mondo è mondo gli uomini hanno sfruttato le donne, e anche oggi, vengono pagate meno per lavori simili, giudicate più per il loro aspetto che per la loro bravura…

– Che dici? – aggiunse una ragazza con i capelli rosa – la situazione è molto peggio per omosessuali, trasgender, e tutti quelli che rifiutano il sistema binario del genere. In molti posti i gay vengono picchiati, o… persino “curati” come se fossero malati. Vero prof?

– Guardate che in questi giorni – disse un altro più tranquillo – c’è anche una fortissima discriminazione per età, gli anziani vengono rinchiusi in case di riposo e lasciati marcire, soli, ignorati da tutti, come oggetti di cui nessuno ha più bisogno.

– Cari ragazzi, – disse il professore e tutti tacquero – mi dispiace ma questa volta non posso dare ragione a nessuno di voi. Tutte le cose che avete detto sono giuste, tranne il fatto che le discriminazioni si possano confrontare. Tutte le discriminazioni sono uguali. E, in fondo, sono distrazioni, “veli” che coprono la realtà, la vera discriminazione è quella dei soldi.

– Poveri noi, ci è stato detto che siamo tutti diversi e che dobbiamo litigare fra noi ma è solo una guerra dei poveri, non di tutti. Nel mondo c’è ancora razzismo ma questo non ha impedito a Obama di diventare presidente degli Stati Uniti. Avete mai sentito dire che hanno picchiato un gay famoso e ricco all’uscita di un bar? o che qualche riccone è stato discriminato per la sua età? Sotto ogni discriminazione c’è una questione economica, solo se impariamo a riconoscerla e potremo combatterla veramente.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

La vita davanti a sè (2020)

La vita davanti a sè (2020)

Questa settimana, in questo clima di desunione e di guerra dei poveri mi sono guardata La vita davanti a sè, con una Sofia Loren che arriva al cuore anche alla sua età e un bravissimo Ibrahima Gueye.

Doni, talenti, missioni e blocchi

Doni, talenti, missioni e blocchi

Ieri, nel incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, e con il sottotitolo “smontando fake news, falsi miti e falsi bisogni” abbiamo parlato del lockdown che sta arrivando e siamo andati a chiedere consigli ad un’esperta di confinamenti non meritati, Raperonzolo.