piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

Le prime emozioni sono sicuramente state un’ansia insoportabile  ogni volta che volevo le cose a cui ero abituata, tanta rabbia perchè, mi sembrava difficile mangiare solo quello che c’era scritto nei fogli della dieta e anche un po’ di tristezza,perchè in fondo mi sentivo in colpa e ce l’avevo più che altro con me stessa, per essere ingrassata, per non essere più forte, ecc.

Ma poi, sotto sotto a queste tre emozioni ho scoperto una molto più spaventosa. Mi sono accorta che tutte queste cose, oltre a darmi del piacere fisico, e a calmare la mia ansia, erano piccole distrazioni, e mi sono sentita libera, ho scoperto di avere un sacco di tempo, energia e spazio nella testa liberi per fare altro…

Ogni volta che vado al supermercato, che passo vicino ad un negozio o ad una macchinetta, ogni volta che vedo una lattina o una busta di caramelle, un salame affettato, per un istante, mi viene un ricordo delle mie vecchie abitudini e inerzie di prima.

Dal momento che ho scelto di non ritornarci non è nemmeno un vero desiderio, è più un ricordo. Subito penso ad altro e mi accorgo quanto tempo ed energia perdevo. E ho iniziato a fare pulizie di altre cose nella mia vita. Ho iniziato a cancellare iscrizioni alle newsletter che non leggo mai, e a rimettere ordine in casa.

Un po’ come quando abbiamo iniziato il lockdown, che abbiamo visto le cose importanti perchè ci mancavano. In questo caso si tratta di vedere quelle a cui potremmo fare a meno perchè ci avanzano.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a fare pulizie nella nostra vita, a osservare quali sono le piccole distrazioni, quelle che ci allontanano dai nostri desideri e che ci rubano tempo ed energia. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Un amico straordinario (2019)

Un amico straordinario (2019)

La settimana scorsa, mentre cercavo il trailer di Big ho trovato questo film di Tom Hanks che mi era sfuggito quando era uscito: Un amico straordinario, un film che racconta una storia vera, la storia di Fred Rogers, personaggio televisivo amato dai bambini negli Stati Uniti.

cavalcare la tigre

cavalcare la tigre

La settimana scorsa abbiamo parlato della terapia narrativa come un modo di viaggiare nel tempo ma, forse sarebbe più accurato ancora parlare di questi esercizi come di viaggi nella nostra immaginazione.

i nostri maestri

i nostri maestri

Ieri, durante la cena, mi sono riferita a una persona come ad uno dei miei “maestri” e mia figlia mi ha detto qualcosa tipo “non credo che tu possa imparare molto da certe persone, non vorrei che diventassi come loro”. Il commento mi ha fatto sorridere e mi ha ispirato questo post su cosa intendo con la parola maestro.