piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

Le prime emozioni sono sicuramente state un’ansia insoportabile  ogni volta che volevo le cose a cui ero abituata, tanta rabbia perchè, mi sembrava difficile mangiare solo quello che c’era scritto nei fogli della dieta e anche un po’ di tristezza,perchè in fondo mi sentivo in colpa e ce l’avevo più che altro con me stessa, per essere ingrassata, per non essere più forte, ecc.

Ma poi, sotto sotto a queste tre emozioni ho scoperto una molto più spaventosa. Mi sono accorta che tutte queste cose, oltre a darmi del piacere fisico, e a calmare la mia ansia, erano piccole distrazioni, e mi sono sentita libera, ho scoperto di avere un sacco di tempo, energia e spazio nella testa liberi per fare altro…

Ogni volta che vado al supermercato, che passo vicino ad un negozio o ad una macchinetta, ogni volta che vedo una lattina o una busta di caramelle, un salame affettato, per un istante, mi viene un ricordo delle mie vecchie abitudini e inerzie di prima.

Dal momento che ho scelto di non ritornarci non è nemmeno un vero desiderio, è più un ricordo. Subito penso ad altro e mi accorgo quanto tempo ed energia perdevo. E ho iniziato a fare pulizie di altre cose nella mia vita. Ho iniziato a cancellare iscrizioni alle newsletter che non leggo mai, e a rimettere ordine in casa.

Un po’ come quando abbiamo iniziato il lockdown, che abbiamo visto le cose importanti perchè ci mancavano. In questo caso si tratta di vedere quelle a cui potremmo fare a meno perchè ci avanzano.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a fare pulizie nella nostra vita, a osservare quali sono le piccole distrazioni, quelle che ci allontanano dai nostri desideri e che ci rubano tempo ed energia. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.