pianificare all’indietro

Normalmente tutti pianifichiamo in avanti. Partendo da dove ci troviamo, immaginiamo i passi da dare per passare dalla nostra situazione a quella in cui vorremmo essere. Ma a volte le possibilità sono troppe o troppo poche e ci blocchiamo.

In questi giorni, con tutto questo parlare di cambiare la nostra vita, ho pensato spesso alla tecnica dell’intervista. È una tecnica molto semplice e molto pratica, per scoprire i passi da dare per raggiungere un obiettivo, quando uno è perso e non sa bene cosa fare nell’inmediato.

Consiste nell’immaginare di aver già raggiunto l’obiettivo e immaginare di ricordare quel che avevamo fatto per arrivare a quel punto. La modalità è quella di un’intervista con un giornalista che ripercorre con le proprie domande la strada all’indietro, focalizzando sia sulla concretezza che sulle emozioni.

Tipo: come ti senti? che abitudini hai costruito o sviluppato? cosa hai fatto oggi che non avresti potuto fare tempo fa? come mai sei riuscito a farlo? cosa avevi fatto per prepararti?

Immaginiamo di aver vinto un premio, passato un esame, avuto un figlio, pubblicato un libro, o qualsiasi cosa che ognuno di noi voglia… non sono cose che succedono dalla mattina alla sera, non basta desiderarle, ci va un processo, una successione di attività.

È un po’ come quando chiediamo a Google Maps le indicazioni e l’ora a cui dobbiamo partire per arrivare in un certo posto ad una certa ora, invece che a l’ora a cui arriveremo se partiamo adesso.

O come quando pianifichiamo il da farsi prima di prendere un volo. L’orario di partenza del volo è fisso, e da li calcoliamo all’indietro il tempo per l’imbarco, per l’eventuale check-in, per i controlli di sicurezza, per i diversi mezzi di trasporto, ecc.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono l’ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo sia un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.