permesso e obbligo

L’altro giorno, parlando di vivere al limite, abbiamo visto che a volte il problema non è non riuscire a fare tutto ma capire quanto dovremmo fare veramente. Definire quel “tutto” che dovremmo fare. Perchè spesso il problema è che vorremmo fare più di quanto veramente dobbiamo o possiamo.

Abbiamo già parlato più volte del fatto che viviamo in una società che ci porta a pretendere sempre di più da noi stessi e dagli altri. La competizione può essere una buona cosa ma, si dice “non faccia vincere i migliori ma solo i meno sensibili“.

Chiederci sempre di più ci porta solo a rimanere sempre frustrati e insoddisfatti. La maggior parte di noi pensa di dovere o potere fare di meglio. E vive male perchè in realtà non riesce.

La fonte della maggior parte dei conflitti c’entra con differenze tra quello che possiamo e quello che dobbiamo fare. Ci hanno insegnato a fare prima quello che dobbiamo e solo dopo quello che vogliamo. Prima il dovere e poi il piacere. Non è una brutta cosa, ma portato al estremo può togliere ogni grazia alla vita.

La mia proposta è sempre riprenderci la nostra responsabilità e definire noi stessi cosa dobbiamo fare. Adeguarlo a quello che possiamo fare e trovare un equilibrio tra quello che possiamo e quello che vogliamo. Quando riusciamo a riscrivere gli obblighi con cui siamo cresciuti come permessi… Possiamo evolverci ulteriormente.

Vi va di provare?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Il drago dei desideri (2021)

Il drago dei desideri (2021)

Anche questa settimana mi sono guardata una commedia americana, I care a lot, una storia di truffatori, una truffa agli anziani molto più soffisticata del solito, che funziona fino a quando si scontra con qualcuno più forte e più cattivo.

l’erba blu…

l’erba blu…

Dicono che c’era una volta un uomo rimasto vedovo che si trovò da solo a prendersi cura delle sue due figlie, due bambine molto intelligenti e assai curiose, tanto che prima di fare qualsiasi cosa, ponevano mille domande al padre, spesso sembrava si divertissero a metterlo in difficoltà.

Aiutare i genitori ad aiutare i figli (2019)

Aiutare i genitori ad aiutare i figli (2019)

Siccome in questo periodo sto lavorando molto sulla genitorialità, mi sono letta Aiutare i genitori ad aiutare i figli. Problemi e soluzioni per il ciclo di vita,  di Giorgio Nardone. Un bellissimo libro sulla terapia indiretta, in cui i genitori assumono il ruolo decisivo di “coterapeuti” e diventano gli “specialisti” più vicini a cui i figli possono affidarsi.