perchè sono così povero?

Dicono che c’era una volta un bambino molto povero. Era nato in una famiglia povera, viveva in un quartiere molto povero e tutto quello che vedeva nella sua vita era povertà. Dicono che una notte, mentre dormiva tra le vecchie coperte che sua mamma aveva trovato per strada, sogno Dio e gli chiese:

– Signore, mi dicono che sei buono e giusto ma io, da quando sono nato, cosa ti ho fatto di così terribile? perché sono così povero?

Dicono che Dio rispose:

– Perché non stai praticando la generosità…

– La generosità? – chiese il bambino – Ma come potrei essere generoso se non ho niente, non ho vestiti, non ho giochi, non ho nemmeno libri o quaderni, ho solo queste coperte che condivido con la mia mamma… Io non ho niente da dare, tu non mi hai dato nulla, posso solo chiedere.

– Non mi riferivo alle cose materiali, mi riferivo alle cinque ricchezze che ti ho dato quando sei nato, che potresti usare per uscire da questo luogo così triste e senza speranza…

– Ricchezze? Quali ricchezze? – chiese il bambino curioso.

– Ti ho dato un viso con cui puoi regalare sorrisi, e gioia a chi ti circonda, ma non lo stai facendo; ti ho dato due occhi con cui puoi guardare gli altri con amore e affetto, ma non lo stai facendo; ti ho dato una  bocca con cui puoi dire qualcosa di bello agli altri, ma non lo stai facendo; ti ho dato un cuore puro con cui puoi augurare la felicità e la bellezza agli altri, ma non lo stai facendo; ti ho dato un corpo sano con cui puoi fare qualcosa di buono per gli altri… ma non lo stai facendo. Capisco che nessuno ti ha mai mostrato come fare ma puoi chiedere al tuo cuore, lui lo sa… Cerca i miei regali dentro di te, e vedrai che se impari a usarli potrai creare tutta la ricchezza che vorrai.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Primo accordo: Sii impeccabile con la parola. La parola è potente. Usatela nel modo giusto, usatela per condividere l’amore. Usate la magia bianca con tutti, cominciando da voi stessi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.