Pazzo di lei (2021)

Anche qesta settimana, per caso su Nextflix, ho visto uno dei più bei film che io abbia mai visto, questa volta spagnolo, Pazzo per lei, un film molto profondo e allo stesso tempo leggero, che fa commuovere e allo stesso tempo pensare, sull’amore, sulle difficoltà, sulle aspettative e sulla normalità.

Racconta la storia di un ragazzo normale che, dopo una notte folle si innamora della ragazza completamente fuori di testa che gli ha fatto vivere quelle emozioni e, contro i loro accordi iniziali, decide di cercarla, per trovarla in un centro di salute mentale, di cui decide, in modo molto superficiale, di volerla salvare. Per farlo si fa internare anche lui e scopre un mondo a molti ignoto.

Un film che parla del mondo della malattia mentale, diagnosticata o meno, non lineare, con alti e bassi, con apparente normalità che però va “curata”. Ho adorato ogni scena, ma specialmente la frase finale del protagonista:

“la prossima volta che vedrò qualcuno triste, non gli chiederò di sorridere; nè gli prometterò che se vorrà, potrà guarire. Se vorrò aiutarlo davvero gli dirò che, anche se non sono non sono capace di capire quello che li succede, sarò lì se avrà bisogno”

Se non l’avete visto, ve lo consiglio veramente tanto, se l’avete visto, ditemi cosa vi ha fatto pensare.

p.s. non ho trovato il trailer in italiano, vi lascio quello in versione originale.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

contenitore e contenuto

contenitore e contenuto

Dicono che c’era una volta un uomo molto ricco che chiese al monastero del suo paese una funzione religiosa per conmemorare la morte del padre avvenuta l'anno prima. Disse che, siccome la sua famiglia era notevole e molto generosa, volevano che fosse ufficiata dal...

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Questa settimana, ho letto Gli ordini dell’aiuto di Bert Hellinger. Un libro che  parla dell’aiuto, dal punto di vista sistemico, e delle regole per aiutare con  il metodo delle Costellazioni Familiari e connettendosi con il sistema, con la coscienza collettiva, per integrare gli aspetti e i personaggi ignorati in ogni situazione.

Hereafter (2010)

Hereafter (2010)

Questa settimana ho guardato Hereafter, un film diretto da Clint Eastwood e protagonizzato, tra altri, da un grandioso Matt Damon. Un film sulla vita e la morte, sulla linea sottile che le separa, sulle persone che possono attraversarla, con esperienze premorte o sentendo delle voci dall’altro lato.

il diavolo e il cavallo

il diavolo e il cavallo

Dicono che c’era una volta un paese in cui tutti erano molto litigiosi, si dice che era un posto così terribile che, il diavolo, quando voleva prendersi una vacanza dall’inferno e vivere sulla terra, si faceva una passeggiata nelle loro strade.