Passengers (2016)

Questa settimana voglio parlarvi di film molto particolare, Passengers, con Jennifer Lawrence e Chris Pratt. Una storia di solitudine, di amore, di accettazione di fatti accidentali, di come trovare la fortuna nella sfortuna, di come tutto può cambiare da un momento all’altro…

Un viaggiatore di una nave interstellare si sveglia, dopo la collissione con alcuni asteroidi, novant’anni prima del tempo previsto per l’arrivo a destinazione. Dopo mille tentativi prima di ritornare alla sua ibernazione, e poi di godersi la vita arriva persino a pensare al suicidio.

La consapevolezza di dover morire in quella nave, da solo, prima di arrivare a destinazione, circondato da gente che dorme e con l’unica compagnia di alcuni elementi di intelligenza artificiale,  lo fa impazzire al punto di pensare ad una mossa azzardata. Svegliare una donna, di cui si innamora anche prima di conoscerla.

Non senza farsi prima mille domande, giacchè vuol dire condannarla alla sua stessa fine, rubarle il sogno e la vita sognata nel mondo di destinazione. Quando alla fine l’istinto di supervivenza ha la meglio rispetto al senso di colpa, niente risulta come pianificato.

 Ho adorato i riferimenti ad altri film come Shining e Cast away, il personggio del androide cameriere e la sua psicologia spicciola. Ma soprattutto ve ne parlo perchè è un film sulle decisioni difficili, sulla disperazione, sui mille pensieri che possono farci la vita impossibile e su come ad un certo punto, un’azione, anche se nata dalla disperazione, anche se senza protezioni, quando decidiamo di aver pensato abbastanza, a volte sia l’unica “soluzione”.

Un film sulla vita e sul non arrendersi mai. Davvero da non perdere.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Il metodo Ikigai (2018)

Il metodo Ikigai (2018)

Questa settimana ho letto per voi un libro molto interessante: Il metodo Ikigai. I segreti della filosofia giapponese per una vita lunga e felice, in cui Héctor García ci racconta di un suo viaggio e delle esperienze fatte con i centenari Giapponesi.

Il buco (2019)

Il buco (2019)

La prima volta che ho visto qualche immagine di questo film, mi ha infastidito. Poi ho visto qualche recensione e ho pensato di guardarlo, andando oltre la superficie e devo dire che tanto le metafore come il simbolismo mi hanno veramente coinvolta…

empatia consapevole

empatia consapevole

Cercando immagini per rappresentare l’empatia ho trovato questi due fantastici ometti con la scritta “so esattamente come ti senti”. Loro non sono esattamente uguali ma hanno quel che sembra esattamente lo stesso problema.

il demone della rabbia

il demone della rabbia

In questi post dedicati ai demoni abbiamo già parlato del demone della colpa, e di quello della paura, oggi voglio parlarvi di quello della rabbia, un’altro demone molto potente che ci porta a fare cose di cui poi ci pentiamo, così da attrarre gli altri due.