parole magiche…

03 May 17

Ieri, all’incontro di facciamo pace, abbiamo parlato delle parole magiche. Oltre a quelle che insegniamo ai bambini, per favore, grazie, prego, scusa, mi dispiace, ti voglio bene… ce ne sono tante altre, infatti ne abbiamo viste moltissime e tante sicuramente le abbiamo dimenticate. Quando, come bambini curiosi, ci chiediamo quali sono le parole magiche, la risposta più accurata è tutte!

Le parole sono ordini ipnotici (e autoipnotici) perchè sono la porta fra quello che non esiste e quello che esiste, fra il pensiero e il frutto di esso.

  • Ci sono parole che aprono porte (secondo me, per quello che ho capito, anche, forse, se…) e altre che le chiudono (no, ma, impossibile);
  • ci sono parole che aggiungono peso (sempre, mai) e altre che lo tolgono (solo);
  • ci sono parole che rendono le cose dinamiche (adesso, ora) o statiche (sempre, mai, ormai…), che danno loro la possibilità di cambiare o che le fossilizzano;
  • e ci sono parole che responsabilizzano (perchè, in che senso, se…) e che deresponsabilizzano (devi, devo)…

Questo non vuol dire che ci siano parole buone o cattive, il gioco sta nell’imparare ad usarle ed essere consapevole di quello che stiamo creando quando le usiamo.

Comprendere che quando io dico <<Io sono sempre stata così>> è completamente diverso di quando dico <<Io ero sempre stata così ma adesso non voglio più esserlo e posso cambiare quando voglio>>.

E scegliere quando vogliamo rafforzare e quando sminuire ogni nostro pensiero.

<< Perchè le parole sono il ponte fra il pensiero (che mostra quello che abbiamo dentro, frutto del passato, e quello che proiettiamo fuori, che determinerà il nostro futuro. E sono la nostra miglior possibilità per cambiarlo.

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. è così ⋆ Amor Ben, ottimizzatrice... - […] nei miei incontri di facciamo pace parliamo spesso del peso delle parole, e di quelle che chiamiamo parole magiche…

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quarto accordo: Fai sempre del tuo meglio. Non dovete giudicarvi, sentirvi in colpa o punirvi se non riuscite a mantenere questi accordi. Se fate del vostro meglio, vi sentirete bene.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.