La teoria del tutto

05 Nov 20

In questi giorni, mi sono guardata La teoria del tutto, un film di una bellezza rara, basato sul libro verso l’infinito, in cui la moglie di Stephen Hawking parla della sua genialità, della sua malattia, e della loro vita insieme, con Eddie Redmayne che vinse l’oscar.

Un film che racconta la loro vita da quando si sono conosciuti, due giovani studenti a Cambridge, fino a quando a lui viene offerto il titolo di cavaliere dell’ordine britannico per le sue scoperte scentifiche.

Un film sull’amore, sull’amicizia, sull’allegria e sul coraggio che parla di un uomo il cui corpo doveva durare due anni, secondo i medici, ma siccome non si è arreso, è durato molti di più, grazie alla loro forza, a quella forza che ha chi conosce la differenza tra l’accettazione e la rassegnazione.

p.s. una delle cose che più mi ha colpita è il fatto che il film sia uscito quando lui era ancora vivo.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.