Orgoglio

28 Jun 22

Questo mese di luglio è il mese dell’orgoglio LGBTQ+, in molte città si fanno delle bellissime manifestazioni piene di colore, dei carnevali estivi che, come non poteva essere diversamente, dividono le persone in pro e contro, in buoni e cattivi.

La discriminazione è un tema che mi sta molto a cuore, non ho mai avuto niente contro le persone non eterosessuali e credo che abbiano subito grandi discriminazioni e abbiano diritto ad esprimersi, ma… Sí, c’è un ma. Per il giro che stanno prendendo molte conversazioni, c’è un ma.

Io credo che le persone omosessuali, transsessuali, non binari, e quelle con qualunque orientamento sessuale abbiano il diritto di essere orgogliosi  di questo, finchè rispettano il mio diritto ad essere orgogliosa di non esserlo.

Quando ero ragazzina la parola gay si usava come insulto, e nemmeno solo per chi lo era veramente, era semplicemente un insulto, come imbecille. Questo è terribile, non si discute. In molti ambienti questo è ancora così. Essere gay non è un diffetto, non è una colpa e nemmeno un pericolo.

Ma oggi sembra che anche essere etero stia diventando una brutta parola, una colpa e un pericolo; che non si possa essere etero senza odiare i gay, nè senza macchiarsi delle colpe di altri etero, come sembra che non si possa essere bianchi senza macchiarsi delle colpe de razzisti bianchi.

La buona notizia è che, se ci rendiamo conto, possiamo fermarci a riflettere per poter diventare consapevoli delle vere colpe, dei veri pericoli, del fatto che la diversità puè essere una risorsa e che il maggiore pericolo è quello di credere di dover difenderci prima che ci attachino.

Infatti il mio invito possitivo di oggi è proprio a scegliere di vivere, pensare, parlare, relazionarci a un livello più profondo, a renderci conto che l’amore risolve i problemi che crea la paura, a vedere le persone come universi complessi  degni di curiosità e a trattarle di conseguenza, con rispetto, con lo stesso rispetto che pretendiamo da loro. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.