opportunità prese e da prendere

Ieri, all’incontro di facciamo pace, abbiamo continuato con il nostro argomento delle opportunità perse, e anche delle opportunità prese. Abbiamo visto le differenze, soprattutto di atteggiamento, e come fare per cambiarlo.

Siamo partiti dall’invito a raccontare (chi avesse voglia) alcune opportunità perse o prese. Abbiamo visto che uno degli elementi più importanti per poter “prendere” le opportunità è un certo tipo di atteggiamento, un “mettersi in gioco”, che, dicevamo, è condizione necessaria ma non sufficiente.

Spesso perdiamo delle opportunità, vedendole o meno, per paura dei cambiamenti, perchè non ci sentiamo in grado di affrontarli, dal momento che viviamo in una società che ci propone dei desideri e dei bisogni ideali senza nessun collegamento con la realtà.

Persino quando decidiamo di cambiare abbiamo delle pretese su come farlo che sono tutto tranne che realiste. Pensiamo (ci hanno convinti e dovremmo disimpararlo) che c’è un solo modo in cui si può cambiare e che noi non potremo mai farlo.

Abbiamo visto anche il modo töklita per risolvere il problema: “s’impara gradualmente, iniziamo con l’osservare gli altri e noi stessi in quest’ottica e tirare le somme a fine giornata, poi riusciamo a farlo poco dopo che abbiamo reagito, poi mentre stiamo reagendo. Arriva un punto in cui ti accorgi prima di reagire.

E poi abbiamo parlato di uno dei nostri strumenti consolidati, uno dei miei acronimi preferiti, da usare quando non vediamo la strada per uscire da dove si troviamo, il RADAR.

In realtà, nemmeno ieri abbiamo finito l’argomento e la settimana prossima lo riprenderemo, se vi incuriosice, vi aspettiamo!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Praticate la gentilezza verso voi stessi e gli altri ogni volta che vi è possibile. Desistete dal bisogno di aver ragione e di vincere e optate invece per essere gentili: ben presto conoscerete la gioia della pace interiore.

Wayne W DyerWayne W DyerInventarsi la vita

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.