opportunità prese e da prendere

Ieri, all’incontro di facciamo pace, abbiamo continuato con il nostro argomento delle opportunità perse, e anche delle opportunità prese. Abbiamo visto le differenze, soprattutto di atteggiamento, e come fare per cambiarlo.

Siamo partiti dall’invito a raccontare (chi avesse voglia) alcune opportunità perse o prese. Abbiamo visto che uno degli elementi più importanti per poter “prendere” le opportunità è un certo tipo di atteggiamento, un “mettersi in gioco”, che, dicevamo, è condizione necessaria ma non sufficiente.

Spesso perdiamo delle opportunità, vedendole o meno, per paura dei cambiamenti, perchè non ci sentiamo in grado di affrontarli, dal momento che viviamo in una società che ci propone dei desideri e dei bisogni ideali senza nessun collegamento con la realtà.

Persino quando decidiamo di cambiare abbiamo delle pretese su come farlo che sono tutto tranne che realiste. Pensiamo (ci hanno convinti e dovremmo disimpararlo) che c’è un solo modo in cui si può cambiare e che noi non potremo mai farlo.

Abbiamo visto anche il modo töklita per risolvere il problema: “s’impara gradualmente, iniziamo con l’osservare gli altri e noi stessi in quest’ottica e tirare le somme a fine giornata, poi riusciamo a farlo poco dopo che abbiamo reagito, poi mentre stiamo reagendo. Arriva un punto in cui ti accorgi prima di reagire.

E poi abbiamo parlato di uno dei nostri strumenti consolidati, uno dei miei acronimi preferiti, da usare quando non vediamo la strada per uscire da dove si troviamo, il RADAR.

In realtà, nemmeno ieri abbiamo finito l’argomento e la settimana prossima lo riprenderemo, se vi incuriosice, vi aspettiamo!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.

spronare

spronare

Quando dico che sono una life coach molti rispondono “ah, sei una motivatrice!”. In realtà, no. Per come lavoro io, parlare di motivazione è spesso troppo superficiale, infatti non sempre funziona, io cerco di lavorare su un livello un po’ più profondo.