Nuvole (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Nuvole, un film Disney di quelli che ti stringono il cuore, nel caso tu ne abbia uno e non l’abbia già chiuso per difesa, che racconta la storia vera del musicista Zach Sobiech diventato una star di Youtube e morto a 18 anni.

Racconta la storia di questo ragazzo, affetto da un cancro alle ossa, che divenne famoso negli Stati Uniti negli ultimi mesi di vita grazie a un video diventato virale su Youtube. Nel filmato lui e la sua migliore amica Sammy avevano interpretato, prima che diventasse troppo tardi, un brano che avevano scritto. La canzone piacque talmente tanto da fare in pochi giorni un gran successo, e da venire ascoltata decine di migliaia di volte.

Un film nello spirito del Natale come piace a me, conmovente, che ci invita a vivere prima che sia troppo tardi e a gioire di cose straordinarie che continuiamo a dare per scontate, come la salute e la vita.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.