non ti preoccupare

Una delle cose che molte volte fraintendiamo è il bisogno e l’utilità della preoccupazione, spesso mi capita di dire a qualcuno di preoccuparsi meno e mi risponde che non è possibile, che deve preoccuparsi, che se non si preoccupasse sarebbe senza cuore. Invece, il cuore non si preoccupa, non capisce niente di futuro e di passato. Non può preoccuparsi per molte cose ma solo “occuparsi” di una alla volta. È la mente che si preoccupa, che continua a correre avanti e indietro cercando pericoli e possibili minacce.

Mentre scrivevo questo post ho ricevuto una lezione in diretta per ribadire l’argomento, la condivido con voi perchè è un esempio molto chiaro. Mia figlia quindicenne non è arrivata in tempo dopo la scuola. Ho aspettato i soliti 15 minuti, 20, e ho inziato a chiedermi se forse aveva altri piani che io sapessi, ma ero sicura che non mi aveva detto niente, anche mia figlia piccola confermava; 30, ero sempre più nervosa e nella mia mente hanno cominciato ad accumularsi idee e pensieri, anche se ancora le vocine che mi dicevano di stare tranquilla erano più forti; 45, iniziavo a dubitare di me stessa e della maggior parte delle mie convinzioni, a pensare che comunque il mondo è anche un posto pericoloso e che potrebbe essere successo qualcosa di brutto

La storia finisce con che, dopo più di un’ora di pensieri contrastanti e di battaglia nella mia testa, mi decido a chiedere a suo padre se sa dov’è. Lui, che non sapeva niente fino a un minuto prima e che era fresco e sereno, mi chiede se ho chiamato le sue amiche. Pensandoci bene ha senso. Chiamo la prima che mi viene in mente, quella da cui va più spesso, e la trovo. Ho pianto per il sollievo. Lei mi ha chiesto scusa ma non c’era niente da scusare.

E la chiamo lezione perchè l’ho usata per ribadire due cose: che la preoccupazione ci immobilizza, come un sedativo, come una droga, ci oscura la mente e ci nasconde le soluzioni più banali, e che la sua azione era stata solo un piccolo sbaglio, una dimenticanza, e che tutto il resto del castello di cose terribili l’avevo costruito da sola.

Un tempo mi sarei arrabbiata, sentita offesa e presa in giro e avrei desiderato punirla per chè non dimenticasse l’importanza e l’effetto su di me delle sue azioni. Oggi capisco che ho fatto tutto la sola, che è stata la mia preoccupazione l’unico problema e voglio sfruttare il mio tempo e energie per non dimenticare io l’importanza di questo…

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, alleniamoci!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qualunque cosa ti capiti nella vita, tu solo hai la facoltà di decidere come reagire. Se ti abitui a cercare in ogni situazione il lato positivo, la qualità della tua vita sarà più elevata e più ricca. Questa è una delle leggi più importanti della natura

 

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.

spronare

spronare

Quando dico che sono una life coach molti rispondono “ah, sei una motivatrice!”. In realtà, no. Per come lavoro io, parlare di motivazione è spesso troppo superficiale, infatti non sempre funziona, io cerco di lavorare su un livello un po’ più profondo.

si stava meglio

si stava meglio

In questi giorni in cui la maggior parte dei miei amici e conoscenti discute sulle misure contro il COVID, tra i commenti su mascherina si o mascherina no, e vaccino si o vaccino no… qualcuno è risucito a tirare fuori il famoso “si stava meglio quando si stava peggio”.