non riesco

Molti coach e motivatori dicono che non dobbiamo mai dire  frasi tipo “non riesco“, “non posso“, “non so“. Io non sono d’accordo. Credo che, se uno lo pensa, è meglio che lo dica, perchè se ce lo teniamo dentro è peggio.

 Non credo basti dire a una persona di smettere di dire o di pensare queste cose. Se io sento di non essere in grado, sarà difficile convincermi del contrario. Più difficile se ci ho provato più volte, se ho studiato bene la situazione, insomma, se so di cosa sto parlando.

Dicono che non possiamo immaginare o desiderare niente che non siamo in grado di realizzare o di ottenere. Ed io sono convinta che sia vero. Infatti, uno dei primi passi per avvicinarci a quello che vogliamo raggiungere è immaginarlo in dettaglio.

Ma, chiaramente, non basta. Dopo che l’abbiamo immaginato, dovremo fare dei cambiamenti in uno o più aspetti della nostra vita per poterci arrivare.

Per come la vedo io, i “non riesco“, “non posso“, “non so” sono validissimi ma non dovrebbero mai essere la fine del discorso… della storia, bensì l’inizio, o una pausa.

Per ogni “non riesco” e per ogni “non posso” possiamo chiederci cosa ce lo impedisce, cosa ci manca, e come potremo ottenerlo; per ogni “non so” possiamo chiederci chi lo sa, a chi posso chiedere aiuto o delle informazioni.

Che ne dite? Proviamo?!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

andata e ritorno

andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

l’aureola troppo stretta

l’aureola troppo stretta

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.