non me lo ricordo

Vi è mai capitato che, quando raccontate un vostro ricordo a una persona che era presente nel momento che state raccontando, vi dice che non lo ricorda o che lo ricorda diversamente? È normale, non tutti ricordiamo le stesse cose o allo stesso modo, ma da fastidio, ci fanno fare la figura dei bugiardi o degli smemoriati.

E, invece, è qualcosa di completamente normale, che due persone non ricordino un periodo o un momento allo stesso modo, non solo quando ci sono in gioco le emozioni, non solo quando attorno ai nostri ricordi ci abbiamo costruito una storia personale, in qualsiasi momento della nostra vita, ricordiamo una parte minuscola di quello che viviamo.

 Ricordo che Sibaldi in una conferenza parlando dell’attenzione e della memoria diceva che, siccome la capacità del nostro cervello è limitata, dobbiamo scegliere, più o meno consapevolmente. Di tutto quello che accade attorno a noi, percepiamo solo una parte, di tutto quello che percepiamo, prestiamo attenzione solo ad una parte, di tutto quello a cui prestiamo attenzione, memorizziamo solo una parte e di tutto quello che memorizziamo ricordiamo solo una parte.

La buona notizia è che, adesso che lo sappiamo, possiamo vedere i ricordi per quello che sono veramente, qualcosa di molto personale e che solo in parte riflette la verità del passato. Ma, soprattutto, possiamo trarre da un ricordo molta più informazione, giacchè sappiamo che in un ricordi ci sono, si, i fatti, ma anche informazioni su tutti questi filtri: cosa percepiamo, che è molto legato alle nostre credenze, a cosa prestiamo (o prestavamo in quel momento) attenzione, e su cosa riteniamo (o ritenevamo all’epoca) degno di essere memorizzato, ecc.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a comprendere che nessuno ricorda tutta la verità e che quando due persone hanno ricordi diversi possono imparare molto dal confronto, sia sui fatti che ognuno su se stesso e sull’altro. E che discuttere su chi ricorda meglio è solo una perdita di tempo. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

contenitore e contenuto

contenitore e contenuto

Dicono che c’era una volta un uomo molto ricco che chiese al monastero del suo paese una funzione religiosa per conmemorare la morte del padre avvenuta l'anno prima. Disse che, siccome la sua famiglia era notevole e molto generosa, volevano che fosse ufficiata dal...

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Questa settimana, ho letto Gli ordini dell’aiuto di Bert Hellinger. Un libro che  parla dell’aiuto, dal punto di vista sistemico, e delle regole per aiutare con  il metodo delle Costellazioni Familiari e connettendosi con il sistema, con la coscienza collettiva, per integrare gli aspetti e i personaggi ignorati in ogni situazione.

Hereafter (2010)

Hereafter (2010)

Questa settimana ho guardato Hereafter, un film diretto da Clint Eastwood e protagonizzato, tra altri, da un grandioso Matt Damon. Un film sulla vita e la morte, sulla linea sottile che le separa, sulle persone che possono attraversarla, con esperienze premorte o sentendo delle voci dall’altro lato.