non me lo merito

23 Mar 21

L‘altro giorno, in un telefilm, qualcuno ha ricevuto un regalo troppo bello e ha detto “non me lo merito“, e mi ha fatto riflettere molto su cosa ci è stata insegnata, alla maggioranza di noi, sul concetto di merito e sulla nostra relazione con esso.

Il fatto è che la nostra cultura ci ha riempito di credenze limitanti e di “concettilimitanti, ignorando una buona parte della realtà e quando ci troviamo davanti ad essa ci sentiamo persi, ci troviamo davanti ad un paradosso e questo ci blocca.

Una di queste credenze è quella che definisce il tempo, la vita, e ogni cosa che si deva sviluppare, come la crescita personale, in maniera lineare, come qualcosa che va soltanto in avanti, dal passato verso il futuro, ignorando l’esistenza delle curve e dei cicli e, di conseguenza, dei punti d’inflessione.

Se ci fermiamo a osservare la vita possiamo vedere che ci sono tanti fenomeni non lineari, il susseguirsi del giorno e la notte o delle stagioni ci dimostrano che a volte possiamo perdere tutto e ricominciare, non solo una volta, ma tante, ciclicamente.

Anche se fino al giorno prima faceva freddo, al primo calore le piante tirano fuori dei piccoli germoglietti per costruire la primavera. Cosa hanno fatto per meritarsi di arrivare alla primavera? niente, soltanto essere, resistere un’altro inverno. E cosa fanno quando arriva, se la godono, la sfruttano al massimo e mostrano gratitudine… Tutto lì.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a comprendere che quando riceviamo un regalo inaspettato, anche se crediamo di non meritarlo, possiamo iniziare a meritarcelo e sfruttare il punto d’inflessione per cambiare livello di coscienza. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.