non me lo merito

L‘altro giorno, in un telefilm, qualcuno ha ricevuto un regalo troppo bello e ha detto “non me lo merito“, e mi ha fatto riflettere molto su cosa ci è stata insegnata, alla maggioranza di noi, sul concetto di merito e sulla nostra relazione con esso.

Il fatto è che la nostra cultura ci ha riempito di credenze limitanti e di “concettilimitanti, ignorando una buona parte della realtà e quando ci troviamo davanti ad essa ci sentiamo persi, ci troviamo davanti ad un paradosso e questo ci blocca.

Una di queste credenze è quella che definisce il tempo, la vita, e ogni cosa che si deva sviluppare, come la crescita personale, in maniera lineare, come qualcosa che va soltanto in avanti, dal passato verso il futuro, ignorando l’esistenza delle curve e dei cicli e, di conseguenza, dei punti d’inflessione.

Se ci fermiamo a osservare la vita possiamo vedere che ci sono tanti fenomeni non lineari, il susseguirsi del giorno e la notte o delle stagioni ci dimostrano che a volte possiamo perdere tutto e ricominciare, non solo una volta, ma tante, ciclicamente.

Anche se fino al giorno prima faceva freddo, al primo calore le piante tirano fuori dei piccoli germoglietti per costruire la primavera. Cosa hanno fatto per meritarsi di arrivare alla primavera? niente, soltanto essere, resistere un’altro inverno. E cosa fanno quando arriva, se la godono, la sfruttano al massimo e mostrano gratitudine… Tutto lì.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a comprendere che quando riceviamo un regalo inaspettato, anche se crediamo di non meritarlo, possiamo iniziare a meritarcelo e sfruttare il punto d’inflessione per cambiare livello di coscienza. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Primo accordo: Sii impeccabile con la parola. La parola è potente. Usatela nel modo giusto, usatela per condividere l’amore. Usate la magia bianca con tutti, cominciando da voi stessi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film francese molto simpatico, L’erba cattiva, una riflessione molto carina su come possiamo superare le difficoltà, per grosse che esse siano, con l’aiuto di qualcuno che non ha i nostri stessi problemi, anche se ha degli altri.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.