non capisco

22 Sep 20

Oggi vorrei riflettere insieme a voi sul significato e l’uso di un paio di parole che, in molti casi, anche se potrebbero aiutarci ad uscire dai problemi e, tendono a farci sprofondare sempre di più: “non capisco”.

 Il fatto è che, secondo me molto spesso, questo “non capisco” sta nascondendo un giudizio, forse potrebbe essere un “non è giusto“, o un “è impossibile“, o un “non dovrebbe essere così”, ma è sempre un giudizio. Ed è proprio questo che ci impedisce di comprendere, di capire…

Quando non capiamo qualcosa, o quando ci sembra impossibile, normalmente è perchè non stiamo osservando correttamente tutta la realtà. Ci mancano i pezzi che spiegherebbero tutto. Ma, troppe volte, ci fermiamo davanti al “non capisco” e non andiamo oltre. Perciò non troviamo le soluzioni che ad altri, da fuori, possono sembrare più che ovvie.

Non parlo solo di relazioni e di problemi interpersonali, ma anche di cose meno astratte. Per esempio, questa mattina mi è succesa una cosa stupida che mi ha tenuta ferma per due ore. Il mio mouse inalambrico ha smesso di funzionare. Ho pensato fossero le pile ma le ho controllate ed erano piene. Ho cercato un’altro mouse, ma non funzionava, ho provato e riprovato, niente.

Alla fine, un po’ quasi per caso, ho tolto e rimesso la chiavetta usb e ha ripreso a funzionare. Il problema non erano le pile. Le altre volte che è successo erano le pile perciò dovevano essere quelle. Visto che erano piene, ho pensato che si fosse rotto…

Il mio invito possitivo di oggi è a prendere questo pensiero, il “non capisco”, o il “non è possibile” come un invito a cercare di cambiare punto di vista, a cercare di allargare il campo di ricerca di soluzioni, perchè è la nostra analisi quella che non è come dovrebbe essere.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.