Nirvana (1997)

02 Sep 21

Questa settimana ho guardato Nirvana, con Christopher Lambert, Diego Abatantuono e altri attori fantastici. Un film di fantascenza che mette sul tavolo le carte con cui qualche anno dopo giocheranno film di cui noi abbiamo già parlato, come Matrix e Il tredicessimo piano.

 Nirvana racconta la vita di un programmatore che, in un futuro lontano e leggermente despotico, sta sviluppando un videogioco a controllo mentale chiamato Nirvana, quando scopre che il gioco è stato infetto da un virus che ha fatto “svegliare” il protagonista.

 A parte i travestimenti e gli effetti speciali che, come dicevo non possono compettere con gli americani a cui siamo abituati, ci sono un bel po’ di dialoghi, di situazioni e di domande che possono fare pensare un bel po’ fuori dal coro.

Non ho trovato un bel trailer in italiano, ma vi lascio una delle scene che più mi è piacciuta, quella in cui Solo, cerca di svegliare gli altri.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Primo accordo: Sii impeccabile con la parola. La parola è potente. Usatela nel modo giusto, usatela per condividere l’amore. Usate la magia bianca con tutti, cominciando da voi stessi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.