naturale

Quando parliamo, come negli ultimi eventi di facciamo pace, di chi siamo, di come siamo fatti e di come potremmo cambiare per essere più felici, uno degli argomenti che si ripete è “io non posso cambiare perchè sono fatto così”, “mi viene naturale”.

Abbiamo parlato molte volte di come il modo in cui crediamo di essere fatti è solo una idea che ci condiziona. Non è un fatto reale, scolpito sulla pietra ma solo un’idea astratta e che possiamo modificare. Abbiamo visto che riflette soltanto la nostra zona di comfort.

Abbiamo parlato di come è il verbo essere a bloccarci e di come abbassare gli effetti limitanti sostituendolo con modalità tipo “ho la tendenza a fare così” o con complementos temporales tipo “sono stata così fino a ieri” che sottintende un “ma posso cambiare”.

Pero ci sono delle cose che si resistono perchè crediamo che siano ad un livello più profondo. Il fatto è che quello che “ci viene naturale” non è esattamente come siamo fatti veramente. Quello che ci viene naturale è solo quello che abbiamo fatto più volte, come diceva Nardone nei libri di cui abbiamo parlato le settimane scorse, Psicotrappole e Psicosoluzioni.

Quello che siamo veramente è nascosto dentro di noi, ed è sotto l’educazione che abbiamo ricevuto, sotto l’armatura che abbiamo costruito per difenderci dalle difficoltà e dei pericoli. Quella è la nostra natura e il resto è cultura.

La buona notizia è che possiamo scoprirlo e che il metodo è semplice. Per capire come siamo fatti veramente bisogna smettere di giudicare e vivere. Bisogna ascoltre il nostro cuore e non solo i pensieri che nascondono i giudizzi. Vi va di provare?

 

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.