my way

Una delle più grandi bugie di cui ci hanno convinti tutti, secondo me, è che c’è qualcosa di giusto, e di sbagliato, per tutti noi. Che c’è una verità, unica e assoluta, per tutti. E che i nostri problemi siano conseguenza del nostro discostarci da essa.

Ci sono persone convinte di conoscere questa verità e che ce la offrono, spesso senza che dobbiamo chiedergliela. Cercano anche di imporla ai loro bambini, e a tutte le persone a cui vogliono bene, se necessario con la forza, convinti di fare del bene.

Non importa che siano convinti di sapere questa verità perchè l’hanno imparata dalla famiglia, perchè l’hanno letta in uno o più libri o perchè l’hanno dedotta dalle situazioni che hanno vissuto nelle loro vite. In ogni caso, quando le danno questo peso rischiano di fare danni.

Poi ci sono quelli che credono che potremmo conoscerla noi e ce la chiedono, e la cercano sempreovunque, nei libri, nei consigli, nei programmi tv, o su youtube. Infatti, i titoli che funzionano di più sono quelli che offrono delle soluzioni assolute e infallibili ai problemi di sempre.

I problemi cre crea questo modo di pensare sono due:

  • da una parte, nessuno potrà mai essere in tutto e per tutto, come crede che dovrebbe o vorrebbe, secondo questo ideale, questa verità assoluta, perciò ci sentiremo sbagliati.
  • dall’altra, non ci permette di essere noi stessi, di conoscerci veramente, di imparare ad usare quello che abbiamo solo noi, e che potrebbe salvare un mondo, che sta andando a rotoli.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.