mostrare o dimostrare

Parlando di emozioni, spesso ci aspettiamo che qualcuno ci “dimostri” quello che sente per noi. Questa è una aspettativa un po’ rischiosa, sarebbe molto più semplice se puntassimo sul “mostrare” le emozioni più che sul dimostrarle.

Mostrare qualcosa vuol dire farla vedere, così com’è, senza nasconderla o adulterarla. Mostrare un emozione sa di naturale, di autentico, di sereno, di qualcosa che si fa per propria iniziativa e non perchè qualcun’altro lo chiede.

Dimostrare qualcosa, invece, vuol dire esprimerla in modo chiaro e inequivocabile, è fantastico per la scienza e per le teorie, ma per le emozioni, non è sempre possibile e quasi mai facile. Soprattutto quando viene richiesto.

Proprio perchè quando chiediamo a qualcuno di dimostrarci quello che sente stiamo questionando quello che già “mostra”. Stiamo giudicando quello che fa, quello che dice, e lo stiamo “leggendo” con i nostri parametri e questo è, quanto meno, rischioso.

Chiedere a qualcuno di dimostrarci quello che sente (non di mostrarcelo) ha due messaggi nascosti che potrebbero “distrarre” l’altro dalle nostre richieste:

  • io dubito di te, dici di sentire una cosa ma dimostri un’altra, o sei un bugiardo o un ipocrita.
  • io so meglio di te come si mostrano le emozioni, il modo in cui lo fai è sbagliato, sei un bambino e ti devo educare.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono l’ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo sia un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.