Modelli di famiglia (2001)

Questa settimana, ho letto di nuovo un libro di Giorgio Nardone, Modelli di famiglia, un libro meraviglioso sui rapporti all’interno delle famiglie e sui loro sviluppo e come condiziona la vita di ogni uomo, di ogni donna, dei genitori, e dei figli, sia all’interno della famiglia che all’esterno nei rapporti con gli altri.

Un libro che spiega come, spesso con le migliori intenzioni, molte famiglie fanno dei terribili danni ai loro membri che poi si ripercuotono in tutta la loro vita e nelle loro relazioni. Partendo dall’adolescenza, in cui i figli sviluppano le basi di quelle che diventeranno le loro personalità adulte.

Ci sono sei modelli, fondamentalmente secondo gli atteggiamenti dei genitori e, di conseguenza, dei figli, e ognuno comporta dei rischi diversi. Per ogni modello, il libro ci dettaglia, le modalità di communicazione solite, i tipi di rapporti e gli atteggiamenti legati ad ogni ruolo, le regole all’interno della famiglia, le conclusioni che traggono gli adolescenti e le conseguenze nelle loro azioni:

1) Il modello iperprotettore, che continua a considerare i figli, anche quando non sono più bambini, come elementi fragili da proteggere, rischia di creare degli adulti fragili e che non imparano a prendersi le loro responsabilità;

2) Il modello democratico permissivo, in cui genitori e figli sono considerati allo stesso livello, e si cerca sempre la pace e l’accordo, rischia di creare adulti poco funzionali in un mondo in cui cisono conflitti e disaccordi;

 3) Il modello sacrificante, in cui i genitori si sacrificano costantemente per dare il massimo ai figli, rischia di creare adulti inadattati, che potrebbero pretendere sempre di più pensando di “meritare” di meglio, o accontentarsi di qualsiasi cosa per ripagare i sacrifici ricevuti; 

4) Il modello intermittente, in cui i genitori oscillano da un modello all’altro, rischia di creare adulti insicuri e incostanti

5) Il modello delegante, in cui i genitori delegano a qualcun’altro il ruolo di guida per i loro figli, perchè non si sentono abbastanza adulti, rischiano di creare degli adulti insicuri senza figuredi riferimento chiare.

6) Il modello autoritario, in cui i genitori  esercitano il potere in maniera rigida e decisa e il più forte è chi comanda, rischia di creare adulti sottomesi o ribelli.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.