Misery non deve morire (1990)

Questa settimana, ha compiuto 30 anni uno dei film horror che ho amato alla follia, Misery non deve morire, con la grandiosa Kathy Bates che prese l’oscar e James Caan, una grandiosa pellicola basata sul romanzo omonimo di Stephen King.

Racconta la storia di uno scrittore che ha un incidente tornando dal posto in cui si era ritirato per finire il suo ultimo romanzo e della sua salvatrice, una infermiera che, per caso, risulta anche essere la sua fan numero uno.

Una storia di amore e odio, ma soprattutto di quello che può fare l’ammirazione quando diventa ossessione, una storia sulla fragilità mentale e su dove può portare una persona apparentemente del tutto normale.

So che è vecchio ma se non l’avete visto ve lo consiglio, se l’avete visto ditemi cosa ne pensate.

p.s. non ho trovato il trailer in italiano, vi lascio l’originale in inglese.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Praticate la gentilezza verso voi stessi e gli altri ogni volta che vi è possibile. Desistete dal bisogno di aver ragione e di vincere e optate invece per essere gentili: ben presto conoscerete la gioia della pace interiore.

Wayne W DyerWayne W DyerInventarsi la vita

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film francese molto simpatico, L’erba cattiva, una riflessione molto carina su come possiamo superare le difficoltà, per grosse che esse siano, con l’aiuto di qualcuno che non ha i nostri stessi problemi, anche se ha degli altri.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.